La Sossio Banda conquista la prima edizione del Premio MareAperto, dedicato alla world music d’autore

La Sossio Banda conquista la prima edizione del Premio MareAperto, dedicato alla world music d’autore. Il gruppo pugliese,  fondato e guidato dal sassofonista e compositore Francesco Sossio, ha convinto la giuria in un rush finale che ha coinvolto sedici finalisti, selezionati tra le numerose proposte pervenute da tutta Italia. Al secondo posto la band salentina Kërkim e al terzo la cantautrice e interprete siciliana Eleonora Bordonaro. Il Premio MareAperto prosegue anche online sul sito manigold.it e sugli account social del Premio. Majara, Sikè, Kërkim, Yaràkä, Afrodiaspora, Teres Aoutes String band, Desert Session, Dahlìa, Mattanza, Sossio Banda, Ettore Castagna, Alessio Arena, Eleonora Bordonaro, Scère, Zenìa, Giovanni Palombo si contenderanno il Premio del pubblico che sarà assegnato sabato 19 dicembre.

Il Premio MareAperto, organizzato dall’associazione culturale Manigold, in collaborazione con Blogfoolk e in partnership con una rete di festival e rassegne, con la direzione artistica dell'organettista, cantante e autore salentino Claudio Prima, è rivolto in particolare agli artisti che esprimono con la propria musica una sensibilità moderna, che non si limita alla riscoperta e alla riproposizione del patrimonio tradizionale, ma che conduce alla produzione di musiche e testi inediti. L’obiettivo del Premio, infatti, è quello di offrire una nuova visione sul panorama della world music in Italia, che sostenga la proiezione della musica tradizionale - materia in continua trasformazione - nel futuro prossimo. La musica tradizionale, infatti, non è ferma ad un istante storico immobile e immutabile, ma si muove e si evolve continuamente. Lo strumento di questa evoluzione sono i musicisti stessi, che la rivivono, rielaborano e in alcuni casi riscrivono, in maniera innovativa, attuale, a tratti rivoluzionaria.
 

Il premio, annovera fra le partnership, i festival Di voce in voce, Mare e miniere, Suoni della Murgia, SEI – Sud Est Indipendente, Premio Andrea Parodi, World Music Academy e TEX – Il teatro dell’Ex Fadda. La giuria è composta da Salvatore Esposito (Blogfoolk), Ciro De Rosa (Songlines, Transglobal World Music Chart, Blogfoolk, Globofonie - Radio Shamal), Elena Ledda (cantante, direttrice artistica Premio Andrea Parodi, Mare e miniere), Mauro Palmas (musicista, direttore artistico Festival Mare e miniere), Giuseppe De Trizio (Radicanto, Direttore Artistico Di voce in voce), Luigi Bolognese (Uaragniuan, Direttore artistico Suoni della Murgia), Daniele Cestellini (etnomusicologo, responsabile scientifico Blogfoolk), Cesare Liaci (Coolclub, Direttore Artistico SEI Festival Sud Est Indipendente), Vincenzo Gagliani (musicista, direttore World Music Academy), Giacomo Farina (Horcynus Festival).

L’Associazione Manigold, attiva dal 2002 ha istituito in questi anni numerosi percorsi originali di studio e di ricerca nell’ambito delle tradizioni musicali dei paesi del Mediterraneo, sostenendo progetti artistici e formativi che investono diversi settori: la musica, il teatro, la danza, le arti pittoriche, le nuove tecnologie, la multimedialità. L’associazione ha prodotto e sostenuto negli ultimi vent’anni progetti affermati nel panorama internazionale e percorsi formativi e artistici con una spiccata propensione inclusiva e multiculturale: BandAdriatica, Giovane Orchestra del Salento, La Répétition / Orchestra Senza confini, Adria, Tukrè, Progetto Seme, Tabulè, Manigold, Orchestra Popolare di Puglia. Si occupa principalmente di produzione di spettacoli, management, organizzazione di eventi e rassegne (MareAperto, Nostos, Galatinarte), laboratori e corsi di sperimentazione.

Pubblicato il 15/12/2020


Condividi: