Salento - Previsioni nere per le FSE. Meno corse e rincaro dei biglietti.

Nel Salento resterebbe solo la linea Maglie - Lecce

 

Ferrovie Sud -  Est. Previsioni nere per il 2012.

Nel Salento resterebbe sola la linea Maglie - Lecce

 

Salento - Sembra stia per finire la lunga storia delle Ferrovie Sud- Est. La mitica “lettorina”  sarà una delle vittime dell’attuale crisi finanziaria visti i tagli che il ministro dell’economia ha deciso di effettuare per il trasporto pubblico. A dispetto dei precedeni accordi tra Regioni e ministero dell’economia, non verranno restituiti i 1,2 miliardi di euro che le Regioni avevano “prestato” al governo per la precedente manovra finanziaria del 2010. Queste le dichiarazioni  dell’assesore regionale ai trasporti Minervini. “Per chiudere il 2011  il governo deve ancora trasferire 825 milioni alle Regioni destinati a onorare i contratti con Trenitalia, di cui 45 milioni spettano alla Puglia. Ritardi nei pagamenti che stanno producendo incertezze e difficoltà nel servizio. Trenitalia sta facendo i salti mortali per continuare a onorare gli impegni. E poiché ancora ieri in un incontro con i tecnici del ministero - aggiunge Minervini - le Regioni non hanno avuto ancora risposta sulla disponibilità delle risorse mancanti 2011 ci si sta attrezzando al peggio”. Restando così le cose verrebbero “tagliate” le tratte meno frequentate. Resterebbero le tratte della dorsale Adriatica. La Bari-Barletta,  la Bari-Brindisi-Lecce, e la Bari-Taranto. Le corse sulle tratte interne assicurate sinora da Trenitalia e Sud-Est saranno, pertanto, sostituite con corse su autobus.  Nel Salento, presumibilmente da dicembre, dovrebbe restare in servizio solo la Maglie- Lecce. Tutte le altre corse interne verrebbero sostituite con autobus dal Basso Salento verso  Maglie per poi prendere il treno per Lecce. Ancora maggiori le incertezze per il 2012.

Pubblicato il 28/09/2011


Condividi: