Leuca - Un progetto per grotte e pipistrelli

Parco naturale costiero Leuca - Otranto

Un progetto per grotte e pipistrelli

 

Un piano di interventi finanziato dalla Regione ha dato il via in questi giorni alle novità in tutta l’area protetta che va da Otranto fino al Capo di Leuca. Si pensa anche alla quercia Vallonea. Installala una nuova segnaletica all’interno del Parco naturale costiero.

 

Leuca - Nuova segnaletica e un progetto per la salvaguardia delle grotte, protezione dei pipistrelli e tutela della quercia Vallonea. In questi giorni il Parco naturale costiero che da Otranto va verso Leuca cambia volto con alcuni passi tangibili ai cittadini e visitatori, grazie ad un piano di interventi  finanziato dalla Regione Puglia che interviene sulla flora e sulla  fauna presente nel territorio lungo oltre 50 chilometri.

Da poco, lungo tutto l’asse costiero sono state installate tabelle illustrative, con indicazioni scientifiche distintive sulle specie e sull’area in cui si trovano i pipistrelli che abitano le grotte del parco; in particolare presso le grotte della Monaca e le fonti di Carlo Magno, il cunicolo del Diavolo e Porto Badisco, sono state collocate delle cancellate in acciaio, adeguatamente studiate per favorire il passaggio dei chirotteri, e per mettere in sicurezza i siti pericolosi. In più punti inoltre, sono presenti pure abbeveratoi faunistici utili ai pipistrelli ed anche a molte specie faunistiche che hanno visto sparire, nel tempo, gli specchi d’acqua nelle campagne, come le vasche di abbeveraggio nei pascoli, ormai dismesse o chiuse per motivi di sicurezza. A completare l’opera, svettano in più punti dei segnalatori in acciaio, utili sia alla percezione del Parco che ad illustrare le specie animali e botaniche che popolano le zone interessate dalla tutela.

Fonte: quotidiano di lecce a firma D. Nuzzaci

Pubblicato il 11/07/2012


Condividi: