Leuca - Scarciglia a rischio crollo, parte un Sos. Interventi di Rocco Palese e Italia Nostra

“Scarciglia” a rischio crollo, parte un Sos.

Interventi di Rocco Palese e Italia Nostra

di mauro ciardo

fonte: gazzettadelmezzogiorno.it

          

Leuca – “Il Demanio dica cosa vuole fare dell’ex colonia Scarciglia prima che crolli” Interviene con un appello l’onorevole Rocco Palese (Conservatori e Riformisti), che punta a sbloccare la situazione di stallo nel contenzioso con la Provincia relativo alla proprietà dell’ex colonia, che stava per essere trasformata in albergo extralusso e che invece è in stato di abbandono da quasi 12 anni. Sulla gazzetta di ieri, con un reportage fotografico, è stato puntato un faro sui rischi che corre la struttura, dove la vegetazione spontanea sta crescendo tra le impalcature arrugginite, in un punto strategico del promontorio del Meliso, proprio sopra le grotte “Cazzafri”.

“L’agenzia del Demanio – interviene il vicepresidente della Commissione bilancio della Camera – dica una volta per tutte cosa vuol fare dell’immobile a rischio crollo, che sorge in uno dei tratti più belli della costa italiana. Al netto di processi e contenziosi, da tempo la Provincia di Lecce sollecita al Demanio un chiarimento sull’effettiva proprietà, che sarebbe della Provincia in virtù di un contratto di cui il Demanio, però, non riconosce le condizioni. Ma delle due l’una – sottolinea Palese – se il Demanio si ritiene proprietario faccia manutenzione, quanto meno per evitare il pericolo di crollo, e bonifica, verificando l’eventuale presenza di amianto. Se, al contrario, il Demanio riconosce la proprietà della Provincia – esorta Rocco Palese – si consenta all’Ente di disporre e si proceda al finanziamento di un progetto prima di messa in sicurezza, poi di recupero di un immobile storico dalle enormi potenzialità turistiche e architettoniche, che attualmente è un pericoloso rudere abbandonato a se stesso e che deturpa costa e paesaggio”.

Interviene anche Italia Nostra, che si è già occupata del “caso Scarciglia”. “Occorre procedere alla riqualificazione di tutta l’area – spiega il presidente della sezione Sud Salento, Marcello Seclì – il Comune deve anzitutto chiedere a chi spetta il compito si smontare le impalcature arrugginite e mettere tutto in sicurezza, se l’impresa che stava effettuando i lavori per l’albergo ha ancora la disponibilità della vecchia scuola elementare retrostante – prosegue – e ordinare la bonifica di quella che è diventata una discarica a cielo aperto, garantendo la pubblica sicurezza in caso di crolli. Attraverso un concorso di idee, poi, si potranno elaborare soluzioni da mettere a disposizione degli enti che si occupano del recupero. È una sfida, deve essere il territorio a cominciare a lavorare alla soluzione senza aspettare i progetti calati dall’alto”

Pubblicato il 03/11/2016


Condividi: