Leuca - Porto Turistico

Mino Vallo: Un disastro la condanna del Comune

Leuca: Porto Turistico
  «Un disastro la condanna per il Porto» 

Santa Maria di Leuca  -  «La condanna del Comune per la questione porto è l’ennesimo scippo alla comunità». Il consigliere Pd di opposizione, Mino Vallo, interviene dopo la sentenza del tribunale di Tricase che ha condannato il Comune a risarcire circa tre milioni di euro alla Porto turistico, la società che fa capo al gruppo Igeco di Tommaso Ricchiuto dove l’Ente locale è socio minoritario con il 49 per centro delle quote.  Il giudice ha rilevato che la società sarebbe stata penalizzata da un comportamento ostruzionistico del Comune e non avrebbe ottenuto finanziamenti pubblici e guadagni appropriati. «Con le rivalutazioni e gli interessi la somma da pagare ammonta a circa tre milioni e mezzo di euro – stigmatizza Vallo – chiedo come mai una sentenza depositata a marzo non sia stata resa pubblica in Consiglio comunale. È in atto – accusa - l’ennesimo tentativo di scippo ai nostri danni e la maggioranza, anziché aprire un tavolo di confronto cerca di nascondere una tale sentenza per 45 giorni e con questa le prove di quelle che sono anche le sue responsabilità. Se questa sentenza sarà confermata – avverte - il Comune non avendo nemmeno un quarto di tali somme dovrà dichiarare il dissesto finanziario».  Alla fine una richiesta. «Il Pd fa appello alla stessa maggioranza perché possa esserci il raggiungimento di una consapevolezza politica. Occorre subito un drastico cambio di rotta perché non si tratta più di contrapposizione tra maggioranza e opposizione, ma di responsabilità e irresponsabilità da parte di chi rappresenta i cittadini, occorre subito aprire un sereno confronto in Assise – conclude Vallo - per giungere alla verità di questa assurda storia del   Porto turistico».

mauro ciardo

Pubblicato il 05/05/2010


Condividi: