Leuca -Mostra fotografica, Emigranti nel mondo

Leuca - Hotel Terminal - oltre 200 foto


Leuca - Mostra fotografica "Emigranti nel mondo"

Hotel Terminal - lungomare C. Colombo

 

Leuca - L’emigrazione italiana è raccontata in eccezionali immagini raccolte nella sala conferenze dell’hotel Terminal di Santa Maria di Leuca. Sono oltre 200 le fotografie messe insieme dall’associazione «Emigranti nel mondo Corsano», presieduta da Antonio Mauro, che offrono un percorso emozionante che si estende atraverso i 150 anni della storia dell’Italia unita. Ricordi, emozioni, fatica, sudore, pianto e abbandono. Tutto traspare dalle stampe collezionate a partire dagli ultimi anni dell’800, quando forte era l’emigrazione degli italiani del Sud verso nuove mete come Argentina e Stati Uniti. Accanto ai gruppi familiari raccolti intorno al patriarca primo emigrato ecco che spuntano le immagini delle fabbriche e delle ciminiere, le scale in ferro, i nastri trasportatori, i forni delle acciaierie e le miniere. Già, quei buchi nel ventre della terra dove tanti meridionali e tantissimi salentini hanno respirato per anni le polveri di carbone e zolfo, pur di mandare una retta mensile a chi era rimasto a casa. Una sezione particolare della mostra (che rimarrà aperta fino al prossimo 5 novembre con orario continuato dalle 8 alle 21) è dedicato alla tragedia di Marcinelle, la miniera belga dove nel 1956 morirono 262 minatori molti dei quali provenienti proprio dal Salento. L’allestimento è stato curato nei minimi particolari perché è un percorso da scoprire. Il filo conduttore è il piccolo carretto di carbone sistemato all’ingresso, accanto a un blocco di lignite che simboleggia le mani sporche e la faccia nera di chi non c’è più. La mostra è solo il primo appuntamento di un tour attraverso le scuole della provincia. «Dal 6 novembre l’allestimento sarà trasferito in vari istituti comprensivi – conferma il presidente del sodalizio – si comincia con Corsano, poi con Tiggiano e così via con Alessano, Gagliano e le scuole che ci chiederanno di ospitarla. Vogliamo che i ragazzi vedano con i loro occhi qual è stato il significato della parola emigrante, che oggi percepiscono con un valore diverso che è quello dell’intruso che viene dai paesi extracomunitari». Nella serata di presentazione hanno partecipato il capogruppo provinciale Pdl Biagio Ciardo (Provincia e Regione hanno cofinanziato la mostra) i sindaci di Corsano e Castrignano del Capo, Biagio Cazzato e Antonio Ferraro, oltre allo storico Pati Luceri. «Oggi stiamo dimenticando che un tempo gli “stranieri” eravamo noi – ha rimarcato Luceri – costretti a subire umiliazioni fuori patria e accettare i lavori più massacranti pur di far sopravvivere le famiglie».

mauro ciardo

 

Pubblicato il 04/11/2010


Condividi: