Leuca - Le regole corrette per gli operatori di noleggio barche

La Capiteneria istruisce gli operatori interessati

 
La Capitaneria di porto riunisce gli operatori del noleggio di unità impiegate in gite turistiche  per ricordare le regole per un corretto esercizio del servizio.

Su iniziativa della Capitaneria di porto di Gallipoli, si è svolta, nei giorni scorsi, nella sala consiliare del comune di Castrignano del Capo, un incontro tra il comandante dell’Ufficio locale Marittimo di Santa Maria di Leuca, Maresciallo Pasquale di Giuseppe, ed i rappresentanti delle imprese che esercitano attività di noleggio con e senza conducente  di unità adibite a gite turistiche lungo le coste di quella località e stazionanti in quel porto o nei porti vicini.

Si tratta di oltre quaranta unità noleggiate con conducente a cui se ne devono aggiungere circa altre cento noleggiate senza conducente, ovvero, secondo il termine tecnico appropriato, date in locazione. L’afflusso è stato notevole ed alla riunione ha presenziato lo stesso sindaco di quel Comune. Sono stati esplicitati dal rappresentante della Guardia Costiera quelli che sono gli adempimenti in materia di possesso di titoli professionali e abilitazioni cui devono essere muniti i conduttori di tali unità e, contestualmente, sono stati illustrati nel dettaglio gli adempimenti che la nuova normativa in materia di diporto, entrata in vigore dal primo gennaio 2009,  accolla in capo agli armatori,  quale ad esempio  l’obbligo di una visita di sicurezza all’unità destinata la noleggio, da effettuarsi con barca “a secco” anche nel caso di lunghezza inferiore ai 10 metri, a tutela della sicurezza delle persone trasportate. La Capitaneria di porto ha voluto inoltre esplicitare,  per la piena comprensione degli armatori più “distratti”,  la differenza fra la figura dell’utilizzo dell’unità ai fini di locazione, nel qual caso l’armatore consegna semplicemente le sue chiavi  al locatario cliente che si assume ogni responsabilità relativamente al suo utilizzo e la figura del noleggio ove il noleggiante o skipper mantiene la condotta nautica e l’ intera responsabilità della navigazione, non può imbarcare piu’ di 12 persone  e deve essere munito di apposite abilitazioni o titoli professionali a seconda della lunghezza della barca.

 

Pubblicato il 03/06/2009


Condividi: