Leuca - La leggenda del barista in fuga dal cachemire

La bella storia di Cristiano Fissore

Leuca : la bella storia di Cristiano Fissore

La leggenda del barista in fuga dal cachemire 

 Leuca -   Per trent’anni è stato uno degli stilisti di maggior successo di quel grande e redditizio baraccone nostrano che è l’”alta moda”. Poi ha deciso di staccare la presa e, trasferitosi da Milano a Santa Maria di Leuca nell’estremo sud del paese, ha aperto un bar dove la principale attività consiste nella produzione di gelato artigianale. Mettersi in discussione e ripartire daccapo, per vincere un’altra scommessa con la vita.

Chi è Cristiano Fissore:

Cristiano (1950). Stilista italiano di maglieria. Nato a Rapallo, ha cominciato molto giovane a lavorare nei negozi d'abbigliamento della famiglia. Nel '77 ha fondato la Cristiano Fissore che produce golf in cachemire: design classico e raffinati colori. L'azienda ha sede in una villa ottocentesca che domina il porto di Rapallo. La collezione donna di Fissore è da sempre disegnata da Lucia Bosisio, che crea capi in cachemire dai dettagli curatissimi, a volte preziosi, con una continua ricerca di filati nuovi e insoliti.

1999. Nasce la collezione Maison che viene presentata una volta all'anno a Maison et Objet di Parigi. Ogni collezione si riconosce dal monocolore, sviluppato in infinite varianti e sfumature. Interamente realizzata a mano, ai ferri e all'uncinetto, è impreziosita da diversi punti, ricami e decorazioni che, abbinati a colori insoliti, rendono attuali lavorazioni di sapore antico.

2000. La collezione Uomo è oggetto di un grande cambiamento. Si passa, infatti, da una collezione classica a una dove la ricerca è protagonista, con trattamenti, lavaggi e mischie inedite. A questa collezione, coordinata direttamente da Cristiano Fissore, si affianca subito la neonata Cristiano Fissore Genoa. Di tono più sportivo, è completata da capi in vari tessuti e in pelle, come il bufalo e lo shearling. Di ispirazione marinara, all'inizio è solo blu, poi si arricchisce di nuovi colori, ispirandosi alla caccia, alla pesca e ad altri sport d'élite.

2001. Apre lo show room commerciale in via Savona 97 a Milano: un ampio loft industriale ristrutturato.


Vende l'azienda di moda, lascia Milano e apre un caffè a S. M. di Leuca.


Dai superbi cachemire per i ricchi più eleganti ai gelati di albicocca e arancia in un bar dell’estremo tacco d’Italia. «In questa mia prima estate da “barista” - racconta l’ex stilista Cristiano Fissore - solo un cliente, un tipo non molto ben educato, mi ha detto che si vedeva che questo non è il mio mestiere. “Lei ha perfettamente ragione”, gli ho risposto. Invece di preparare l’ennesima collezione, di correre a Milano per incontrare clienti in show room e di giocare a golf con gli amici a Rapallo, ho lavorato dalle 7,30 di mattina (anche 20 ore al giorno) dietro al banco. Ma certo che lavo anche le tazzine del caffè! Quando si lavora si lavora. Dopo 30 anni, senza alcun rimpianto, ho staccato il filo con il mondo della moda e cambiato vita. Ma che faccia cachemire o gelati, rimango sempre la stessa persona».  A mille km dallo stress
A Santa Maria di Leuca, mille chilometri dai riti esausti del circo della moda, Cristiano Fissore, 58 anni, ha trovato un più sobrio e sereno approdo. 
Per dimora ha il suo amato yacht, un Alalunga Anni 70 rigorosamente in legno, ormeggiato in porto («Solo a Recco ho mantenuto un ufficio con una segretaria»). Per lavoro ha il bar «Moby Dick» nel centro di Leuca.  E’ la nuova avventura dello stilista di Rapallo che per anni con il suo stile «anglo-genovese» è stato sinonimo di casual classico. Filati pregiati, negozi a Portofino e Cortina d’Ampezzo, successo. «L’avvocato Agnelli prediligeva il nostro girocollo a maglia inglese, modello “Drive Uno”. Tra i clienti più fedeli c’erano i Croce, Andrea e Beppe, e tanti genovesi. Da sempre gli italiani più eleganti», dice l’ex stilista, impeccabile anche al bar in camicia con tanto di cifre («In maglietta? Mai»).

Nel 1977, puntando sul cachemire con solo cinque modelli, insieme a Lucia Bosisio, sua socia e compagna di una vita, iniziò l’avventura della moda. Nei danarosi anni di fine secolo, l’epoca d’oro del cachemire, la Cristiano Fissore srl dell’affiatata coppia arriva a fatturare 20 miliardi di lire l’anno. Collezioni uomo, donna e maison: 170 modelli nelle diverse materie prime, 690 colori nelle cartelle del cachemire; lo show room in un grande loft di Milano. Nel 2000 la crisi, ma Fissore non incolpa la Cina. Affonda il business e la coppia del lusso scoppia. «Una crisi esistenziale», confessa Fissore. Così 4 anni fa vendono il loro marchio a un gruppo di Brescia. Dopo il tracollo, un’altra vita a Santa Maria di Leuca. «Frequentando questo borgo di mare mi accorsi che non c’era un bar dove mangiare del buon gelato non industriale. Ho deciso che questo era il porto dove ancorarmi. Lo scorso inverno con 100 mila euro - cifra con la quale a Portofino non avrei acquistato neanche un posto auto - ho rilevato il locale, 3 piani con terrazza. A fine maggio abbiamo aperto». Per gustare i suoi coni ogni sera c’è la coda e il suo gelato è stato il dessert immancabile delle feste Anni 60 delle grandi famiglie pugliesi, dai Reale ai Seracca Guerrieri.

La ricerca della semplicità
Nell’avventura del «Moby Dick» Fissore ha coinvolto due fratelli di Leuca, Lucio Lia, falegname («È un vero artista»), e suo fratello Ivano, l’unico con esperienza nella ristorazione. Per il resto, il neobarista deve tutto a un suo amico d’infanzia, Rino Simonetti, rinomato gelataio di Santa Margherita Ligure. «Non dimenticherò mai quello che Rino ha fatto per me: ha persino fotocopiato i libretti con 40 anni di ricette». Fu così che il buon gelato alla ligure ha conquistato i golosoni del profondo Sud. «Ho scoperto un mondo più aperto e sereno di quello nel quale sono sempre vissuto», spiega. Nuove rotte, nuovi piaceri. Dopo il «Moby Dick», che resterà aperto tutto l’anno («Altrimenti sembrerebbe una marchetta: prendo i soldi l’estate e scappo!»), l’ex stilista («Solo a pensare a Milano mi sento male, e a Genova vado solo per incontrare la mia nuova fidanzata») progetta la ristrutturazione di una masseria per farne un piccolo resort. «Permessi, rinvii. La burocrazia qui è lentissima, è il lato peggiore del Sud», lamenta Fissore. Per l’autunno-inverno 2008 basta passerelle. «Mi hanno offerto varie consulenze ma ho rifiutato. Qui dormo sereno e basta un filo di sole, anche a gennaio, per mangiare all’aperto. Il mare è stupendo e la vita semplice. Mi sembra di essere tornato nella Liguria della mia infanzia».

dal quotidiano "la stampa" di CHIARA BERIA ARGENTINE

 
 
 

Pubblicato il 23/01/2010


Condividi: