Leuca - Giornata della Memoria 2014

Leuca - Giornata della Memoria 2014

 

Leuca - Quest’anno ricorre il 70° anniversario della presenza, a Santa Maria di Leuca, del Campo Profughi 35. Il campo ospitava Ebrei, Polacchi, Slavi, perseguitati dalla follia della II Guerra Mondialche dal 1944 alla fine del conflitto, sono stati parte attiva della vita del  Capo di Leuca.

Portando le loro tradizioni e culture, integrando e scambiando esperienze di vita quotidiano con la popolazione locale,  i profughi del campo 35 di Leuca sono stati un vero esempio di “storia” vivente. La loro esperienza nel basso Salento non è stata mai dimenticata sia dai leuchesi sia dai forzati ospiti stranieri.  Negli anni  numerose testimonianze confermano  il ritorno a Leuca  di alcuni di essi. Richieste di certificati di nascita, voglia di rivedere i luoghi della loro odissea,  voglia di raccontare ai propri cari i luoghi ed una parte della loro storia personale. 

Alleghiamo la lettera con  le  testimonianza della Signora Katarina (Jela?in) Bebler . Ospite nel 1943- 44, al seguito della madre medico, nel campo profughi di Leuca e  ritornata nell’estate 2013 per rivedere i luoghi della propria  infanzia.  

 

… perché un solo minuto di silenzio non basta …

 

Viaggio a Santa Maria di Leuca

di  Katarina (Jela?in) Bebler.

In difesa della memoria storica

 

I Viaggi di  Katarina a Santa Maria di Leuca non erano un improvvisazione . La prima , all'età di due anni , dal campo di Lanciano , in fuga il ritiro nazista verso la punta meridionale d'Italia liberata dagli Alleati . A Santa Maria di Leuca , centro operativo di comando anglo-americano , dove la madre lavorava come medico , ha incontrato altri bambini e bambine deportati  e giocato con i piccoli leucani  e necessariamente ha cominciato a imparare l'italiano che ancora oggi parla.

Il secondo viaggio , 70 anni dopo,(giugno 2013 - ndr)  per coltivare il sogno di riscoprire i vecchi scenari di una manciata di vecchie foto e magari a caccia di ricordi perduti nella fragilità della memoria . Ma poi la monarchia italiana non esiste più. Né  la Jugoslavia dalle sue radici . La democrazia ha cambiato la vita degli italiani e sloveni . La vita è cambiata , Santa Maria di Leuca è cambiata.

Tuttavia  il mare, le colline,  le ville, il faro  rimangono gli stessi. La prima sorpresa di Katarina è stata la scoperta che la Giornata della Memoria Storica si celebra da diversi anni (ance grazie agli articoli di leucaweb - ndr). Da un'attenta osservazione d'occhio le vecchie foto e l'altra nella città attualmente ho scoperto  Santa Maria di Leuca la stessa frazione , il portico e la ringhiera dove ero  stata fotografata  con  mia  madre , la stessa clinica dove lavorava , e lo stesso muro sotto le palme in cui  apparivo  con i genitori con uniformi inglesi .

Una enorme inspiegabile emozione 70 anni dopo. Lo stesso paesaggio , rocce, muri o edifici , testimoni silenziosi della storia .  Grazie ai contatti avuti tramite mail, ho potuto incontrare Padre Corrado , memoria della stessa storia vivente . Ci ha colpito (a me e mio marito) l’umanità, lo spessore  intellettuale e la simpatia del Corrado Sacerdote e cittadino di Leuca. Ci informa , ci racconta le sue ricerche  e le memorie storiche . E recitiamo insieme melodie della ex Jugoslavia .

- Come fai a sapere queste canzoni ? Chiese Katarina .

Ho imparato - da piccolo -   giocando insieme ai bambini profughi ospiti a Santa Maria Leuca . Rispose Corrado

Ci abbracciammo  con affetto

 Leuca, giugno 2013

Katarina (Jela?in) Bebler.

Joan Soles

Giornalista , Corrispondente in Italia

( Cadena SER -Gruppo -shirt paese)

 

Album foto giornata della memoria

Pubblicato il 26/01/2014


Condividi: