Legambiente Turismo premia la Trattoria Retrò

Indicato come il miglior ristorante della rete nazionale dell'associazione.


Legambiente turismo premia il Salento ... e la Trattoria Retrò di Castrignano del Capo



Legambiente turismo premia "La trattoria Retrò" di Castrignano del Capo come miglior ristorante della rete nazionale dell'associazione. La consegna della targa nel corso di alcuni incontri a Gallipoli, Salve e Lecce con la provincia per rafforzare le buone pratiche ambientali nelle imprese.

Castrignano del Capo - E' andata alla Trattoria Retrò di Castrignano del Capo, all'estremo sud della penisola Salentina, la targa di "miglior ristorante della rete nazionale di Legambiente Turismo" attribuita al termine dei controlli effettuati dai propri incaricati nel corso della stagione estiva 2011. La struttura premiata - così reca la motivazione - ha dimostrato di saper "rappresentare efficacemente la gastronomia salentina fornendo quotidianamente prodotti biologici a colazione e a cena, frutta e verdura del proprio orto, carne e pesce locale, pasta fatta in casa". La consegna dell'attestato a Salvatore di Nuccio, titolare dell'esercizio, è avvenuta nella sede del Villaggio La Masseria di Gallipoli, al termine di uno degli incontri dei giorni scorsi in Provincia di Lecce, organizzati dal gruppo di aderenti al protocollo d'intesa fra il Gruppo degli operatori turistici, dalla Confcommercio e dall'Amministrazione Provinciale di Lecce, da Legambiente Puglia e da Legambiente Turismo. A consegnare il riconoscimento Maurizio Manna, Direttore di Legambiente Puglia, Luigi Rambelli, Presidente Nazionale di Legambiente Turismo e Elena Spinelli referente Locale dell'associazione.

La scelta della struttura da premiare è stata fatta fra le 402 strutture ricettive e turistiche che sul territorio nazionale aderiscono all'etichetta ecologica di Legambiente Turismo che conta oltre 65.000 posti letto e circa 6 milioni di presenze e si è confermata anche nel 2011, la più importante in Italia (e la seconda a livello europeo e mondiale) per il miglioramento e la valorizzazione ambientale del turismo. Al termine dei controlli 2011 gli esperti dell'associazione hanno selezionato 23 aziende fra hotel, campeggi, villaggi, case vacanza, b.&.b., agriturismi, trattorie e ristoranti, che risultano tra le migliori visitate in tutta l'Italia.
Negli incontri avvenuti nei giorni scorsi a Gallipoli, Salve e Lecce (con l'amministrazione provinciale), sono state posti al centro i temi della tutela della spiagge e della costa, della difesa del territorio e definite iniziative per la diffusione e valorizzazione di buone pratiche di gestione nel territorio e nelle aziende nel settore turistico. "Il gruppo delle strutture aderenti - ha commentato Luigi Rambelli, Presidente di Legambiente Turismo - è un esempio della consapevolezza di operatori turistici che - anche nella crisi economica - hanno individuato l'ambiente e la qualità come fattori di competitività, come sottolineano le rilevazioni di mercato che indicano nel cibo, nel paesaggio, nei beni culturali/ambientali e nella vivibilità del territorio gli elementi che ancora salvano la nostra "industria" del viaggio.

Pubblicato il 21/01/2012


Condividi: