Corsano - Ilaria non ce l'ha fatta travolta e uccisa a 17 anni


Corsano, Ilaria non ce l'ha fatta
travolta e uccisa a 17 anni

           



CORSANO - Una corsa disperata verso l'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce con la speranza di salvare una giovane vita. Una notte di agonia poi ieri la situazione è precipitata per Ilaria Vitali, la ragazza di 17 anni di Castrignano del Capo investita due giorni fa lungo via Regina Elena, una delle arterie più trafficate di Corsano, mentre attraversava la strada. Per tutta la giornata di ieri la sua vita è rimasta appesa a un filo, un sottilissimo filo di speranza.

Poi, in serata, il tragico epilogo: l’elettroencefalogramma della ragazza, le cui funzioni vitali erano state affidate ai macchinari, è diventato piatto decretando la sua morte cerebrale. E così i sanitari non hanno potuto far altro che mettere in moto la procedura prevista per arrivare alla dichiarazione di morte clinica. Un iter doloroso ma inevitabile, al cui termine seguirà stamattina l’intervento del medico legale al quale già ieri sera il magistrato inquirente della Procura della Repubblica di Lecce ha affidato il compito di eseguire l’esame necroscopico. Ilaria Vitali quindi non ce l’ha fatta. Troppo gravi le lesioni riportate in seguito all’investimento subito da parte di quell’automobile che l’ha travolta.

La ragazza intorno alle 18.50 pare fosse andata insieme ai genitori a fare la spesa in un negozio di frutta e verdura che è situato proprio su quella strada. Lei probabilmente era rimasta con il padre nell'auto parcheggiata sul lato opposto della strada, mentre la madre si era diretta nel punto vendita. Il padre sarebbe stato invitato dai carabinieri, che erano transitati in quel momento su Via Regina Elena, a spostare la vettura perché intralciava il traffico. A quel punto Ilaria Vitali sarebbe scesa dalla macchina per avvisare la madre del nuovo parcheggio dove avrebbe potuto raggiungerli. Proprio mentre attraversava per raggiungere l'altro lato della strada sarebbe stata investita da una Volkswagen Polo condotta da una 52enne del posto. La ragazza dopo l'impatto con l'utilitaria avrebbe poi sbattuto con violenza la testa al marciapiede.

Ilaria è stata trasportata in ambulanza d'urgenza e con codice rosso al pronto soccorso dell'ospedale “Panico” di Tricase. Le sue condizioni sono apparse sin da subito disperate. Un profondo trauma cranico con inizio di emorragia cerebrale, oltre a un lieve trauma al torace, hanno destato forti perplessità nei medici, che dopo i primi accertamenti hanno deciso di trasferire la ragazza nel reparto di Neurochirurgia del “Vito Fazzi” di Lecce. Qui nelle ore successive la giovane è stata sottoposta a un lungo e delicato intervento chirurgico con la speranza di strapparla ad un triste destino.

Ma il quadro clinico era apparso compromesso sin dal suo arrivo al nosocomio e le condizioni sono andate via via peggiorando finchè nel tardo pomeriggio di ieri era stata collegata ai macchinari per coltivare l'ultima residua speranza di salvarle la vita. L'intera comunità di Castrignano del Capo colta dalla notizia delle condizioni critiche e poi della morte della 17enne è sprofondata nello sconforto. I carabinieri della stazione di Corsano hanno provveduto a rilevare l'incidente e a raccogliere gli elementi necessari per ricostruirne l'esatta dinamica. Hanno posto sotto sequestro la Volkswagen Polo e informato l'autorità giudiziaria competente.

 

fonte: quotidianodipuglia.it  a firma di Annalisa Nesca

Pubblicato il 28/12/2012


Condividi: