Castrignano - Denuncia per Abusivismo

Controlli in altri paesi del Capo

Castrignano del Capo, Corsano, Specchia, ecco alcuni paesi dove i carabinieri hanno operato contro l'abusivismo

Denunce per  discariche di rifiuti a cielo aperto ed edilizia su aree protette 
  

CASTRIGNANO DEL CAPO - Non solo abitazioni abusive, costruite su aree a vincolo paesaggistico senza autorizzazioni di alcun tipo, ma anche discariche a cielo aperto disseminate qua e là in una delle zone più belle della Puglia, il circondario di Castrignano del Capo, a pochi chilometri da Santa Maria di Leuca.

I carabinieri di Tricase, nel corso di controlli finalizzati alla prevenzione di fenomeni di abusivismo edilizio, hanno posto i  sigilli ad una discarica abusiva.  Denunciato un pensionato originario di Castrignano del Capo, il quale, in località “Patrusa”, area sottoposta a vincolo paesaggistico,  aveva realizzato e gestito una discarica abusiva di rifiuti speciali. I militari , giunti sul posto, hanno trovato un’area di quasi mille metri quadrati adibita a vera e propria discarica per la raccolta di materiale vario.  In un settore della zona erano accatastati materiali di risulta edile contenenti eternit fra i quali lastre di onduline, canali e canne fumarie. L’uomo aveva inoltre realizzato un manufatto in cemento e mattoni, suddiviso in tre vani, che era colmo di rifiuti di vario tipo. L’intera area e la struttura sono state sottoposte a sequestro e l’uomo denunciato.

A Corsano, denunciate dai militari della stazione locale tre persone, un uomo e due donne, rispettivamente 56 anni, 55 e 39 anni, tutti residenti a Roma, i quali, in località “Scalapreula”, area sempre sottoposta e vincolo paesaggistico e ricadente nel “Parco Naturale Regionale Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase”, hanno fatto realizzare uno sbancamento della roccia per un’estensione complessiva di circa cinquanta metri quadrati e profonda circa un metro. L’attività è stata svolta in totale assenza di permessi e pertanto l’area è stata sequestrata.

A Specchia  sequestrato un’immobile allo stato rustico di 354 metri quadri complessivi realizzato in assenza di qualsiasi tipo di autorizzazione. La proprietaria della struttura, una 32enne del posto, è stata denunciata e lo stabile sequestrato.

Pubblicato il 03/11/2009


Condividi: