Sud Salento - Rifiuti nell'Unione Terra di Leuca

Assolti in appello Sindaci e funzionari

TERRA DI LEUCA - SOLO UNA CONDANNA
  Rifiuti nell’Unione assolti in Appello sindaci e funzionari 

Sud Salento - La Corte di appello assolve quasi tutti, tra ex amministratori e funzionari dell’Unione «Terra di Leuca», nel processo sullo smaltimento illecito di rifiuti. 
Si tratta del primo dei due tronconi dell’inchiesta che ha riguardato la gestione dei rifiuti nei sette comuni dell’Unione (il secondo filone ha visto giorni fa il rinvio a giudizio di sette amministratori e tre tecnici). Dopo essere stati condannati in primo grado nel marzo 2008, per la violazione delle norme del decreto Ronchi, la seconda sezione della Corte di appello di Lecce ha assolto per intervenuta prescrizione l’ex sindaco di Gagliano del Capo, Salvatore Monteduro, l’ex primo cittadino di Morciano di Leuca, Giovanni Pisanò, il responsabile dell’ufficio tecnico dello stesso ente, Giuseppe Renna, il comandante dei vigili urbani di Morciano, Gi ovanni Anastasio, l’ex comandante della polizia municipale di Gagliano, Cataldo Stendardo, il sindaco di Patù, Angelo Galante, l’ex capo ufficio tecnico del suo  Comune, Antonio Cagnazzo e il legale rappresentante della cooperativa «Vereto», Luigi Maggio. In primo grado, va ricordato, era stato già assolto per non aver commesso il fatto l’org anizzatore dei lavoratori socialmente utili di Patù, Michele Vitali. Confermata invece a sei mesi la condanna per Luigi Reho, legale rappresentante della Ecol Salento di Taviano, ditta che ricevette dall’Unione l’incarico di recuperare, trasportare e smaltire i rifiuti dal 15 giugno al 15 settembre 2003. L’accusa era quella di smaltimento non autorizzata, mediante stoccaggio in diversi siti tra cui un terreno di proprietà del Comune di Gagliano ubicato nella zona industriale, un altro di proprietà del Comune di Morciano sito in contrada “Jori”, e un terzo, di proprietà del Comune di Patù, in località “Vereto ”. Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Angelo Pallara, Mario Liviello, Francesco Vergine, Antonio Casarano, Giuseppe Fersini, Biagio De Francesco.    
 
 
 

Pubblicato il 08/12/2009


Condividi: