Sud Salento - Problema rifiuti in primo piano

Spazzatura per strada ed allarme per la stagione turistica

 
Rifiuti: ancora problemi nel basso Salento 


Il basso Salento nuovamente in allarme. In questi ultimi giorni la spazzatura è rimasta per strada in diversi comuni facendo aumentare il livello d'allarme della popolazione. Preoccupa in particolare la situazione nelle località turistiche come Castro, Gallipoli e Otranto. Nei giorni scorsi l'impianto per la produzione del Cdr (Combustibile da rifiuto) che si trova a Cavallino, è rimasto bloccato e ciò ha provocato disfunzioni a catena sull'intera filiera. I biotunnel della piattaforma di Poggiardo (Ato Lecce 2) non hanno funzionato e i camion dell'intera Ato Lecce 2 (46 comuni) sono rimasti incolonnati per molte ore prima di poter scaricare i rifiuti. Stamattina la situazione per le strade non è migliorata.

A questi problemi si aggiunge quello della chiusura della discarica di Ugento (Ato Lecce 3) prevista per il 30 giugno, mentre per la stessa data gli impianti complessi potrebbero non essere pronti. L'assessore regionale all'Ecologia, Michele Losappio, spinge perche' la realizzazione delle strutture nella piattaforma ugentina possano essere accorciati rispetto a quelli preventivati dal consorzio Cogeam che si è aggiudicato gli appalti, ma le imprese continuano a manifestare scetticismo e prevedono di consegnare biotunnel e discarica di servizio-soccorso solo nei prossimi mesi.
 

Pubblicato il 05/06/2009


Condividi: