Salve - Lo storico organo ritorna a vivere

Questa sera tre concerti nella parrocchia

SALVE -  APPUNTAMENTO NELLA PARROCCHIA
  Lo storico organo ritorna a vivere con tre concerti 


SALVE -  Trecentottant’anni, ma non li dimostra. Lo storico organo di Salve ritorna a vivere con tre concerti di tutto prestigio programmati nel mese di agosto. Il primo appuntamento è previsto per questa sera alle 20,30 nella chiesa parrocchiale dedicata al protettore del paese, San Nicola, in una cornice   suggestiva di altari barocchi e di volte decorate con pregevoli stucchi settecenteschi.  A far rivivere il prezioso strumento, che è stato egregiamente restaurato nel 1978 sotto la magistrale direzione del maestro Luigi Celeghin, sarà Stefano Mhanna, un musicista di fama internazionale nato a Roma appena 15 anni fa. L’artista si esibirà al violino con brani di Bach e Paganini e successivamente farà vibrare le canne del prestigioso strumento con composizioni di Ercole Pasquini, Giovani L’ORGANO RESTAURATO Battista Ferrini, Baldassare Galuppi, Vincenzo Bellavere, ma anche con opere di Bach e Frescobaldi.   Costruito nel 1628 da Giovan Battista Olgiate da Como con Tommaso Mauro da Muro, l’organo di Salve è composto da 393 canne metalliche, tutte lavorate a mano, risulta il più antico di Puglia e tra i più antichi d’Italia. A far vibrare le canne del prezioso strumento, ma anche i cuori del pubblico presente, dopo il concerto di questa sera saranno l’organista Paolo Bougeat, l’11 agosto alle 20,30 e   Cristian Accogli il 19 agosto prossimo.   

fonte: gazzette del mezzogiorno 
 
 
 

Pubblicato il 04/08/2010


Condividi: