Salignano - Rione invaso dai liquami

Le piogge riportano a galla vecchi problemi

SALIGNANO LE PIOGGE RIPORTANO A GALLA UN PROBLEMA DI LUNGO CORSO


Un rione invaso dai liquami scatta la rivolta dei residenti

«Occuperemo il municipio». Domani incontro in Prefettura
 


SALIGNANO (CASTRIGNANO DEL CAPO). «Basta con i liquami dentro casa, siamo pronti a occupare il municipio». Esplode la protesta dei residenti di via Colonnello Galliani, che puntualmente ad ogni acquazzone vedono le abitazioni invase dai liquami. 
   Le acque della fognatura nera infatti fuoriescono dai tombini e debordano sulla provinciale che collega Gagliano a Castrignano del Capo: un fiume di melma si abbatte contro muretti di recinzione, inferriate, giardini e portoni. Una situazione già segnalata da tempo (la Gazzetta raccolse le proteste sia ad aprile che a novembre 2008), che causa un’emer - genza igienico-sanitaria in un quartiere densamente popolato. La condotta porta le acque di scarico da Gagliano fino al depuratore consortile di Castrignano. Quando le precipitazioni sono copiose l’acqua arriva con una pressione maggiore e i tombini saltano letteralmente permettendo all’ac - qua di invadere le strade. Giovedì pomeriggio l’ennesimo episodio.    «Siamo stanchi - hanno lamentato i residenti, che a novembre firmarono in massa una petizione denunciando il problema - abbiamo chiesto l’adozione di provvedimenti ma qui non si è visto mai nessuno. Se anche questa volta non si farà nulla siamo pronti ad andare in municipio e far valere i nostri diritti ad ogni modo». Della questione si sta interessando il vicesindaco Giuseppe Chiffi. «Insieme alla denuncia dei residenti ne ho presentata una personale - sostiene l’amministratore - la pressione aumenta durante le piogge perché qualche utente di Gagliano ha allacciato lo scolo delle acque piovane a quello fognario. Ho invitato il sindaco di Gagliano a controllare - aggiunge - e il primo cittadino ha affisso un manifesto per invitare a scollegare eventuali tubi. Ora la risoluzione del problema sta tutta nelle mani dell’Ac - quedotto Pugliese, che lunedì - annuncia - incontreremo in Prefettura. In quella sede - conclude Chiffi - credo che saranno adottate decisioni importanti».

mauro ciardo

Pubblicato il 05/07/2009


Condividi: