Salento - Terremoto in Abruzzo

Solidarietà da tutto il Salento

Terremoto  in Abruzzo - solidarietà dal Salento   
 
 

 “Non ci abbandonate” è il drammatico appello dei senzatetto, dei feriti, delle istituzioni locali. Il Salento partecipa alla corsa per aiutare la popolazione terremotata.


L’Associazione Heidi, Mondoradio Tuttifrutti e “il Gallo” hanno dato il via ad una raccolta fondi. Chi intende offrire il proprio contributo, può farlo sul Conto Corrente Postale 15061732 - Causale: “Terremoto Abruzzo”.


La Caritas di Gallipoli coinvolge le Parrocchie

Attivato il Conto Corrente Postale intestato a: Caritas Diocesana, Diocesi di Nardò-Gallipoli, numero 11169737.


Sottoscrizione alla Provincia di Lecce

Una sottoscrizione da parte degli amministratori e del personale della Provincia di Lecce in favore dei bisogno della popolazione abruzzese, drammaticamente provata dal terremoto. A questa proposta, avanzata al presidente Giovanni Pellegrino dal difensore civico della Provincia di Lecce, Giacinto Urso, hanno aderito lo stesso Presidente, la vice presidente Loredana Capone, gli Assessori ed i Consiglieri di Palazzo dei Celestini. Gli amministratori hanno deciso di devolvere il 10% della loro indennità di carica del mese di aprile in favore dei familiari delle vittime e dei cittadini provati dal terremoto che ha colpito l’Abruzzo. Ovviamente, per il presidente Pellegrino si fa riferimento all’indennità teorica, visto che non la percepisce. A questa iniziativa hanno aderito anche il direttore generale Cosimo Casilli, il segretario generale Antonio Scarascia, il capo di gabinetto Gianni Turrisi, il portavoce del presidente Massimo Manera  e lo stesso difensore civico Giacinto Urso. Il presidente Pellegrino, inoltre, ha rivolto un invito a tutto il  personale dipendente della Provincia di Lecce a partecipare alla raccolta fondi da destinare alla popolazione abruzzese.


Raccolta fondi a Gallipoli

Gallipoli ha deciso di fare la sua parte nella gara di solidarietà che da tutto il Paese si dirige verso le popolazioni dell'Abruzzo colpite dal violento terremoto. L’Amministrazione Comunale, in collaborazione con la locale sezione della Protezione Civile e con il supporto logistico del consigliere comunale delegato alla Protezione Civile, Dino Scariolo, ha allestito un centro di raccolta di beni non deperibili da destinare agli sfollati della regione colpita dal terribile evento. Il centro è situato nella sede della Protezione Civile, situata al civico numero 3 di via Cagliari (sulla sinistra dell'ultimo incrocio semaforico di corso Italia, nella direzione verso Alezio) e sarà operativo e funzionante a partire dalle 15 del 7 aprle, grazie all'impegno del sodalizio di volontari. La stessa Protezione Civile ha invitato a conferire beni alimentari (escluso l'acqua) quali pasta, biscotti o comunque a lunga scadenza, al fine di consentire il relativo trasporto presso la provincia aquilana e le varie postazioni in cui sono accampate migliaia di persone ormai prive di un tetto sotto cui dimorare.


Surbo: a disposizione un’Autombulanza

La Protezione Civile di Surbo, il cui presidente è il signor Raffaele Bissanti, ha messo a disposizione un’Autoambulanza, a suo tempo acquistata dall’avvocato ed ex magistrato Carlo Madaro, in proprio, per lo Sportello dei Diritti della Provincia di Lecce, cui lo stesso è delegato.


Un Conto Corrente a Monteroni

Mercoledì 8 aprile, alle 12, riunione straordinaria della Giunta Comunale, che discuterà l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale di accendere, presso un Istituto di credito di Monteroni, un Conto Corrente dove fare confluire i fondi delle donazioni dei monteronesi, a cominciare dalle donazioni degli amministratori, destinati alle vittime del sisma che ha colpito la popolazione abruzzese.
 
 
 ----------------------------------------------------------------------------------------

 

ITC Costa. "Abbiamo capito come iniziare ad aiutare, e l'abbiamo fatto"
I ragazzi del Costa hanno capito come poter essere utili agli Aquilani

Ieri, poche ore dopo il terrificante terremoto in Abruzzo, i ragazzi del Costa hanno avvertito la necessità di fare qualcosa di concreto per aiutare in qualunque modo la povera gente che ne è rimasta colpita. Ma nella loro testa solo tanta confusione. Hanno inviato una mail sul territorio chiedendo a tutti indicazioni su come contribuire

I ragazzi del Costa ringraziano per i suggerimenti a loro giunti. Sono a loro giunti molti interventi, dopo la loro richiesta, sia dalle istituzioni che da singoli privati. Alcuni di essi hanno suggerito ai ragazzi di connettersi al sito della protezione civile ma, i ragazzi hanno dichiarato di non aver trovato un percorso semplice che potesse indicare chiaramente tutte le possibilità.
"Allora abbiamo capito - dichiarano- che forse la prima cosa da fare in assoluto era organizzare una pagina di riferimento, di facile individuazione e consultazione, in cui poter conoscere con immediatezza e semplicità tutte le necessità occorrenti e tutti i possibili modi per aiutare. E questa è una cosa che sappiamo fare bene, comunicare, anche a distanza."
Hanno pertanto pubblicato direttamente sul sito www.gpace.net una specifica sezione con tutte le più dettagliate informazioni per contribuire con donazioni di sangue, offerte di farmaci, cibo e bevande, prestazioni di volontariato, offerte di alloggio, offerte di coperte e vestiario, versamenti in denaro. Informazioni precise con numeri di telefono, cellulari, e-mail e siti web.
In questo modo, tutti coloro che, come loro, sentono la voglia o addirittura la necessità di dare una mano in questo brutto momento, possono trovare una sorta di bussola di orientamento.
Naturalmente la sezione è in continuo aggiornamento con tutte le indicazioni che via via giungeranno.

Pubblicato il 07/04/2009


Condividi: