Salento - S.S. 275

Si spera nella crescita del Capo di Leuca

IL COMPLETAMENTO DELLA 275


«Col raddoppio crescerà il Capo di Leuca»


 Continuano i commenti positivi all’approvazione del Cipe della 275, anche se non mancano le differenzazioni. Un plauso arriva dal consigliere provinciale Pdl, Biagio Ciardo, nella sua veste di promotore del comitato «Quattro corsie per lo sviluppo e la vita», che vede la concretizzazione di un sogno ultradecennale. «Con l’approvazione del progetto definitivo il raddoppio della Maglie-Leuca è finalmente realtà - afferma Ciardo - grazie all’impegno del presidente Berlusconi a favore del Mezzogiorno e alla luce del determinante intervento del ministro Raffaele Fitto, sta per giungere a compimento questa battaglia di civiltà e progresso. I ritardi, le titubanze e le attese del passato – osserva - hanno lasciato il passo a un impegno concreto da parte del Governo per l’ammodernamento infrastrutturale del Capo di Leuca. Dopo il finanziamento completo dell’opera – aggiunge - grazie allo stanziamento di 135,4 milioni di euro approvato dal Cipe nei mesi scorsi, che si sono andati a sommare ai 152,5 milioni di euro già approvati nel 2003 dall’allora Giunta Regionale guidata da Fitto, finalmente l’Anas ha tutti gli elementi necessari per poter bandire i lavori di un’opera che i salentini attendono da oltre 15 anni».     Per il segretario provinciale Pd, S a l vat o r e C ap o n e , non vanno dimenticati i “falsi proclami” del centrodestra. «Finalmente arriva il via libera – afferma Capone - per questo ci auguriamo che i lavori partano quanto prima per recuperare il grave ritardo fin qui accumulato, dopo l'invio del progetto della “Strada parco” da parte della Regione. Gli atti di questi giorni - stigmatizza - dimostrano come le tante dichiarazioni ad effetto sbandierate in campagna elettorale, riguardo ai soldi presunti come già stanziati ma mai finora dimostrati, erano solo una grande bugia del centrodestra, pura propaganda politica ai fini elettorali. Solo ora infatti - rilancia - arrivano gli atti e le certezze dopo tante sollecitazioni da parte del centrosinistra. La prova sta nei fatti, il 27 giugno l'impegno finanziario e solo il 31 luglio l’approvazione del progetto. Ci auguriamo - conclude - che vengano rispettati gli impegni progettuali sulla compatibilità dell’infrastrut tura col territorio».  
 
 
  mauro ciardo
  
   
 
 

Pubblicato il 03/08/2009


Condividi: