Salento - S.S. 275

Le imprese locali rischiano l'esclusione - nota di S. Negro

Lavori per la 275- Le imprese locali a rischio esclusione

 


Salento - E’ Salvatore Negro, capogruppo Udc in Regione a sollevare il problema: senza frazionamento gli appalti per ben i 288 milioni di euro finiranno in mano alle grandi ditte del Nord.  Per rimediare “ci vuole la volontà politica”.  Terminato il contenzioso dinanzi al Tar, si avvicina la fase della cantierizzazione per il raddoppio e l’ampliamento della 275, Maglie - Leuca.  Il rischio per l’investimento dei  288  milioni doi euro è che le aziende locali restino fuori dai giochi. A meno che la gara d’appalto non venga rimodulata per lotti, come ha già chiesto il presidente di Confindustria Puglia, il leccese Piero Montinari.  A questa richiesta si è associato il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale, Salvatore Negro.

“In caso contrario  - dice l’esponente centrista - il rischio è che i lavori vengano appaltati da qualche grossa impresa settentrionale, di cui qualcuno probabilmente già conosce il nome, la quale poi subappalterebbe alle imprese locali. Un grave danno all’economia del territorio che da venti anni attende questo intervento. Negro contesta al presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, la sostenuta irreversibilità del percorso da seguire perché i lavori inizino il più presto possibile: “Non possiamo condividere il pensiero del Presidente della Provincia di Lecce il quale sostiene che non ci sono possibilità per un frazionamento. Le norme esistono e possono essere sempre modificate e adattate. È questione di volontà politica”. Si teme è una frattura tra le istituzioni e il mondo economico locale che, nella migliore delle ipotesi formulate da Negro, reciterebbe un ruolo subalterno rispetto ai colossi del settore. Insomma, trovata la mediazione politica con l’accordo di marzo ed  il respingimento da parte del Consiglio di Stato del ricorso degli ambientalisti, si  potrebbe ora aprire  un nuovo fronte di tensione.
 

Pubblicato il 15/05/2011


Condividi: