Salento - S.S. 275, sit-in di protesta

Giovedì a Lecce organizzato da Italia Nostra

SS 275 - giovedì il sit-in a Lecce di Italia Nostra

L'associazione ambientalista protesterà a Lecce davanti a palazzo dei Celestini. Marcello Seclì: "La statale 275 sia riprogettata tutta come "strada parco".

Salento - Giovedì 04 marzo 2010, alle ore 10, in occasione dell'incontro in Provincia indetto dal presidente Antonio Gabellone sul tema delle criticità inaccettabili dell'attuale progetto in canterizzazione per la strada statale 275 Maglie-Leuca, la sezione Sud Salento di Italia Nostra ha organizzato un sit-in a Lecce davanti a palazzo dei Celestini e palazzo Adorno, sedi della Provincia.
"La manifestazione - spiega il presidente dell'associazione ambientalista Marcello Seclì - è a sostegno dei sindaci e dei tanti cittadini ed associazioni che si stanno battendo per impedire che da occasione di sviluppo vero del territorio, attraverso la sua massima valorizzazione paesaggistica e culturale, il progetto si traduca, come oggi appare chiaramente, in occasione di stravolgimento del Sud Salento, aprendo la strada, è proprio il caso di dire, ad una ulteriore devastazione industriale del territorio, ormai privato di quelle, oggi altissime, potenzialità turistico-culturali". "Invitiamo tutti a partecipare numerosi - aggiunge - vogliamo rispondere con questo sit-in all'appello dei sindaci del Capo di Leuca, da Tricase, Specchia ad Alessano, che hanno evidenziato le inaccettabili criticità del progetto, quali le estirpazioni di uliveti secolari, (previste da Surano in giù), o la costruzione di rotatorie impressionanti tali da inghiottire intere colline o la costruzione di assurdi immensi terrapieni e di veri e propri lunghi viadotti con decine di altissimi piloni di cemento senza alcun accorgimento paesaggistico.

Pubblicato il 03/03/2010


Condividi: