Salento - Orario invernale ferrovie penalizza il Salento

Treni cancellati e biglietti più cari

Ferrovie dello Stato

Tratta Lecce-Torino:  biglietto più caro e tragitto più lungo 
 

Salento -  «Le Ferrovie dello Stato penalizzano il Salento». Il ritornello è vecchio, ma a cantarlo sono ancora in molti. Soprattutto in questi giorni, visto che il nuovo orario invernale varato da Trenitalia prevede la cancellazione dell’Eurostar Lecce-Torino. E l’entrata in vigore è ormai vicina, il 13 dicembre prossimo. A farsi due conti sono gli stessi pendolari, studenti e lavoratori, che dal capoluogo salentino si spostano verso il Piemonte, e che presto saranno costretti ad allungare il tragitto e a pagare un prezzo più alto, per un minimo risparmio di tempo. «Decisioni come queste apportano pesanti cambiamenti nelle vite di centinaia di cittadini», denuncia a Pronto Gazzetta l’ingegnere Andrea Barbaresi, che spiega: «Solo per fare un esempio, il viaggio Torino-Lecce con cambio a Bologna durerà 9 ore e 50 minuti e costerà 128,50 euro, anziché durare 10 ore e 47 minuti e costare 77,40 euro: si risparmierà meno di un’ora di viaggio su un totale di circa 11 ore, a fronte di un aumento del prezzo pari al 66 per cento».  Ma se ci scappa l’imprevisto, i disagi aumentano. Tutti i passeggeri diretti a Torino la sera, infatti, in caso di arrivo in ritardo alla stazione di Bologna - evento tutt’altro che raro - saranno costretti nella migliore delle ipotesi a ripiegare su soluzioni di emergenza che prevedono l’ulteriore cambio a Milano e l’arrivo a Torino dopo la mezzanotte, oppure, nella peggiore delle ipotesi, non riusciranno a raggiungere il capoluogo piemontese in giornata».   «Si tratta di un’operazione che non può e non deve lasciare indifferenti la classe politica e le istituzioni», aggiunge Barbaresi, «perchè in questo modo si penalizza l’intero territorio tagliandolo fuori dai collegamenti con le grandi città: quella che sta per essere soppressa è la coppia di treni a lunga percorrenza che ad oggi garantisce il collegamento diretto Lecce-Torino (e Torino-Lecce), attraverso la linea che ferma, tra le altre, nelle città di Brindisi, Bari, Barletta, Foggia, Termoli, Pescara, Ancona, Rimini, Bologna, Piacenza. Analogo servizio, nelle intenzioni di Trenitalia, sarà svolto attraverso l’utilizzo di treni ad Alta velocità che imporranno il cambio del treno sia a Bologna, sia il transito a Milano, con differenze di prezzo esorbitanti rispetto alle soluzioni attualmente disponibili e tempi di viaggio pressocchè equivalenti per i passeggeri».
 

fonte: gazzetta del mezzogiorno a firma di F. Serravezza

Pubblicato il 09/12/2009


Condividi: