Salento - I sogni cambiano il mondo - Un monumento per i diritti dell'infanzia

Galatone - Intervento di L. Capone


Loredana Capone su
"I sogni cambiano il mondo".  Un monumento per i diritti dell'infanzia


Galatone - Il monumento ai bambini che inauguriamo oggi, a Galatone, “è un investimento su di voi – ha detto la Vicepresidente Loredana Capone ai 600 bambini presenti – ma anche sugli adulti, affinché possano dare alle loro azioni quotidiane il significato di un impegno materno per i propri figli.”
Poi Capone torna a rivolgersi ai bambini: “mi rivolgo a voi ragazzi, aprite gli occhi e guardate alle tante bambine e ai bambini soldati, abbandonati, sfruttati, abusati, che sono ovunque in tutte le parti del mondo, ma aprite gli occhi anche per guardare più vicino a voi, e non siate indifferenti con il piccolo bullo o con chi sta soffrendo. Date una mano, domani, vi sarà chiesto di farlo per il vostro Paese. Abbiate fiducia in voi e nelle vostre capacità, impegnatevi nello studio per allargare le vostre conoscenze perché, così, riceverete gratificazioni dal vostro impegno, e il mondo degli adulti sarà migliore di com’è ora. Io ho fiducia nei bambini; non sono ‘minori’, sono aperti, essenziali, possono insegnarci ciò che con i nostri occhi noi non vediamo.”


UFFICIO STAMPA
Alessandra Caiulo
Tel. 328.9631751
E-mail. ufficiostampaloredanacapone@gmail.com

Di seguito  l'intervento di Loredana Capone rigurdo gli impianti  fotovoltaici in via Scotellaro:

La competenza è comunale, che si proceda con l’istruttoria e le verifiche


Sorprende non poco quanto dichiarato dall'Assessore all'Urbanistica del Comune di Lecce circa le responsabilità della Regione in riferimento alla realizzazione degli impianti fotovoltaici in via Scotellaro.
Gli impianti in questione saranno indubbiamente stati progettatati al meglio, anche in considerazione del fatto che, per almeno uno dei due, la progettazione è stata affidata dall'ing. Martini; ma non è affatto vero che la normativa regionale sulle DIA privava i Comuni della possibilità di un intervento a tutela di aree del territorio ritenute non idonee all'insediamento di parchi.
Al contrario, la Legge Regionale n. 31/2008 riconosceva espressamente ai Comuni il potere di individuare aree ritenute non idonee con Deliberazione Consiliare non soggetta ad alcun controllo da parte della Regione.
Il Comune di Lecce, come altri Comuni, non ha ritenuto di esercitare tale potere; e, nel bene e nel male, di tale scelta deve assumere la relativa responsabilità.



Loredana Capone
 

Pubblicato il 12/11/2011


Condividi: