Regata del Conero (Ancona)

Trionfa barca salentina

Idrusa. Regina della regata Conero

Per la terza volta consecutiva il Farr 80 ha consentito alle altre imbarcazioni soltanto di seguire la sua scia fino al traguardo

Ancora una volta Idrusa è la trionfatrice regale della regata del Conero. Per la terza volta consecutiva il Farr 80 sponsorizzato nell'occasione dalla compagnia marittima Minoan Lines ha consentito alle altre imbarcazioni soltanto di seguire la sua scia fino al traguardo. Un dato di valore che diventa di prestigio assoluto per il Montefusco Sailing Project, aggiungendo i due successi con Pegaso nelle edizioni 2005 e 2006. Ma è l'ultimo successo il più bello, per il distacco inferto e per il numero di partecipanti. Quest'anno infatti è stato stabilito il record di partecipazioni alla Regata del Conero con 180 barche al via. La sfida più diretta era con Orlanda, Calypso ed Altair. Idrusa ha vinto coprendo le 15 miglia dal Marina Dorica al Monte Conero in 1h40' e con 4'20" i vantaggio Orlanda e Calypso. Una vittoria che si spiega con le potenzialità di Idrusa, la più grande barca a vela in Puglia, e con la qualità dell'equipaggio, da Paolo Montefusco alla presenza di illustri sportivi come Pietro Dalì, componente di Luna Rossa e prossimo skipper con Giovanni Soldini dell'imbarcazione italiana che parteciperà alla mitica transoceanica Volvo Ocean Race. A bordo c'erano altri nomi notissimi come Stefano Pelizza, Paolo e Giuseppe Mascino, Simone Ferrarese. E non solo loro, perché "Poncho" Montefusco ha condiviso la responsabilità del timone con due importanti armatori di Ancona, Alberto Rossi e Mauro Mocheggiani, già vincitori nella classe fino a 60 piedi della regata atlantica ARC, dalle Canarie ai Caraibi.

"In un mare formato e vento di 16-17 nodi, per fortuna senza pioggia, abbiamo conquistato una favorevole posizione di partenza – così lo skipper salentino spiega l'ennesimo trionfo di Idrusa – e ci siamo mossi a gran velocità col vento in poppa. Alla prima boa avevamo accumulato già 5' di vantaggio, poi abbiamo deciso di gestire il controllo sugli inseguitori. La scelta ci ha fatto sacrificare qualche secondo sul tempo di percorrenza ma ci ha permesso di essere sempre i padroni tattici della regata". L'ebrezza provata invece da Rossi e Mocheggiani al timone di Idrusa permette d'ipotizzare la barca salentina sponsorizzata "Salento d'amare" con i due armatori marchigiani nella regata ARC del 2010. Intanto il successo alla Regata del Conero è stato completato dal trionfo delle barche invelate dalla veleria Montefusco: Idrusa 1° nella classe Maxi, Altair 1° nella classe Prima, Game On 1° nella classe Seconda, MP 30 1° nella classe Sesta. Questo successo ha portato tanta euforia anche nel giovanissimo circolo Vela marina di Lecce, di cui Idrusa è indiscussa portacolori. Tra i 24 componenti dell'equipaggio figuravano infatti per l'occasione anche la presidente Paola Gorgoni con il marito Piero Montinari. "Il circolo è stato inaugurato in giugno, perciò questo è un esordio col botto. –ha dichiarato felicissima Paola Gorgoni - Idrusa è stata, sono sincera, un'emozione ed una rivelazione, soprattutto per noi che vogliamo essere un vero circolo sportivo rivolto specialmente all'attività giovanile. Questo è il primo trofeo che varca la soglia del C.V. Marina di Lecce ma speriamo che i tanti ragazzi che stiamo avviando al timone di una barca a vela ci portino nei prossimi anni altri risultati di cui esser fieri".

 

Pubblicato il 18/09/2009


Condividi: