Località Ciolo - Iniziati i lavori di rimozione dei massi pericolanti

A rischio l'incolumità dei bagnanti


Località Ciolo - Prende il via la rimozione dei massi pericolanti che mettono a rischio l’incolumità dei bagnanti.

Sono partite ieri mattina all’alba le operazioni di rimozione di alcuni grossi blocchi di pietra calcarea naturale, la cui stabilità era stata messa a rischio dalle abbondanti piogge invernali. Con una deliberazione urgente del 19 maggio scorso, il Comune aveva affidato un incarico di 23mila euro alla ditta Scai appalti per far crollare le pietre attraverso mini frane indotte. Con un’ordinanza è stato anche vietato il transito delle persone lungo la scalinata che dalla strada litoranea porta alla spiaggetta sottostante. Tre i punti interessati dal problema, uno in prossimità del ponte che sovrasta l’insenatura, uno nel canalone naturale e l’ultimo su un costone della depressione carsica. Ieri mattina i primi lavori hanno riguardato due siti, con l’inserimento nelle fessure di malte cementizie espansive. Materiali che dovrebbero indurre la roccia al distacco dalla sede naturale, fino a farla precipitare in un letto sottostante più sicuro. Oggi i tecnici dovrebbero continuare il lavoro. 
Quella del Ciolo è una delle mete del parco naturale “Otranto - Santa Maria di Leuca” più frequentate dai turisti, che a pochi giorni dall’inizio ufficiale dell’estate hanno già invaso la località

m.c.

Pubblicato il 19/06/2009


Condividi: