Leuca - Litoranea per Otranto, intervento degli artificieri

Fatti saltare i massi pericolanti - In settimana la riapertura della strada

 INTERVENTO DEGLI ARTIFICIERI PER METTERE IN SICUREZZA LA CALETTA. LITORANEA FORSE TRANSITABILE DA MARTEDÌ 
  Esplosioni al Ciolo via i massi a rischio la strada presto aperta 


di   MAURO CIARDO 


Leuca -  Gli artificieri fanno saltare i massi pericolanti mentre si attende la riapertura della litoranea Leuca-Otranto.   Ieri mattina intorno alle 9.30, una ditta incaricata dal Comune (l’intervento è costato circa 25mila euro) ha eseguito i lavori di abbattimento di alcuni spuntoni di roccia pericolanti che si trovavano all’interno della caletta naturale del Ciolo, sovrastata dal ponte di proprietà della Provincia.  Sul posto, per garantire il rispetto delle norme di sicurezza ed evitare che gli automobilisti si avvicinassero al luogo in cui avvenivano le esplosioni, i carabinieri della locale caserma, il nucleo artificieri, i volontari della Protezione civile, i vigili urbani, i tecnici comunali e i responsabili del Genio civile. Con due cariche esplosive sono stati sgretolati due massi che sul lato ovest della caletta e la loro rimozione ha causato la programmata caduta di un enorme roccia, pesante diverse tonnellate, che minacciava di rovinare sui bagnanti.  Questo è solo il primo degli interventi. Altri due massi infatti sono in attesa di essere fatti brillare a pochi metri di distanza, in località Aspro. Per queste situazioni di pericolo, ai primi del mese la Provincia ha chiuso la strada litoranea 358 nel tratto che va da Leuca fino all’incrocio con via del Mare di Gagliano. I massi a rischio dell’Aspro, le cui spese di rimozione ricadono sui proprietari dei terreni, dovrebbero essere divelti domani e  già da martedì la provinciale dovrebbe riaprire al traffico.  Domenica la Gazzetta registrò le lamentele degli operatori commerciali, che puntavano l’indice contro la Provincia per la chiusura della strada all’inizio della stagione estiva. A quelle polemiche si sono aggiunte nei giorni scorsi anche quelle di alcuni operatori turistici leucani che evidenziavano l’impossibilità dei pullman provenienti da Otranto di raggiungere la marina. Se i tempi saranno rispettati, la litoranea potrebbe riaprire già martedì.    
 

Pubblicato il 13/06/2010


Condividi: