Corsano - Polemica per Spazzatura ed Ici

Botta e risposta tra opposizione e maggioranza

Corsano – Botta e risposta tra opposizione e maggioranza 
Spazzatura e Ici, è polemica sugli aggiornamenti tariffari.


Corsano – “La svolta democratica” polemizza sugli, capogruppo  accertamenti Tarsu  e punta l’indice contro l’amministrazione Cazzato. “Dopo la tassazione delle ceneri dei defunti – sostiene Fabrizio Licchetta, capogruppo di opposizione consiliare di centrosinistra – l’amministrazione comunale si è ricordata di adottare una tassazione maggiore su spazzatura ed Ici. Nonostante lo stesso attuale sindaco (Biagio Cazzato, che guida una coalizione di centrodestra -  n.d.c.) nel 2003 abbia incaricato un gruppo di giovani di controllare minuziosamente le abitazioni dei corsanesi, oggi – prosegue – arrivano accertamenti che presumono una minore superficie dichiarata. Se l’amministrazione era in possesso dei dati – chiede Licchetta – perché Cazzato non li ha applicati tempestivamente, evitando di far pagare in seguito ai cittadini somme spesso triplicate? Questi amministratori – conclude Licchetta – sono passati alla cassa con disinvoltura, appena qualche giorno prima della prescrizione dei diritti di esazione”. Di parere opposto chi oggi è alla guida dell’ente. “Premesso che le leggi ci impongono di coprire nella totalità i costi di servizio Tarsu – spiega il vicesindaco ed assessore al bilancio Biagio Palumbo – voglio sottolineare che non abbiamo aumentato la tassa, mantenendola a 1,27 euro a metro quadrato, ma siamo andati a recuperare ciò che non era stato versato al Comune. Attraverso i dati dell’Agenzia del territorio – prosegue – abbiamo potuto ricostruire con esattezza anche tutto ciò che non era stato possibile verificare dai rilevatori nel 2003. Noni non applichiamo sanzioni amministrative ma solo interessi legali, infine ricordo che l’ufficio tributi è aperto per valutare le situazioni e correggere eventuali errori”.
Mauro ciardo
 

Pubblicato il 07/01/2011


Condividi: