Alessano - Don Tonino Bello

Al via il processo di canonizzazione

Alessano - Don Tonino Bello, al via il processo di canonizzazione 

Alessano - Prende ufficialmente il via il processo di canonizzazione di don Tonino Bello. Nella cattedrale di Molfetta dove don Tonino è stato vescovo fino alla morte nell’aprile 1993, si è tenuta la cerimonia della prima sessione pubblica del processo di canonizzazione, alla presenza dell’attuale pastore diocesano, monsignor Luigi Martella, che il 20 aprile 2008 avviò la causa di beatificazione. A presiedere la celebrazione liturgica è stato il prefetto della Congregazione per le cause dei Santi, monsignor Angelo Amato. Al termine della messa i membri del tribunale ecclesiastico e tutti gli officiali della postulazione hanno giurato nelle mani del vescovo. Postulatore della causa relativa al Servo di Dio don Tonino è monsignor Agostino Superbo, mentre i vicepostulatori sono monsignor Domenico Amato e Silvia Correale. I membri del tribunale sono don Antonio Neri, monsignor Luca Murolo, don Nunzio Palmiotti, don Fabio Tangari e Franca Maria Lorusso. Infine nella commissione storica ci saranno monsignor Luigi De Palma, monsignor Salvatore Palese e don Ignazio Pansini. Don Tonino è considerato il figlio più illustre di Alessano, dove nacque nel 1935 nella casa sita di fronte all’ex cattedrale del Santissimo Salvatore. Le sue spoglie riposano nel cimitero comunale all’interno di un piccolo anfiteatro. Qui da 17 anni si susseguono le visite dei pellegrini prove   nienti da tutta Italia, ma anche dall’estero. Ieri tantissimi fedeli sono partiti da Alessano per assistere alla cerimonia. Tra questi, i fratelli di don Tonino, Trifone e Marcello, e una delegazione dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luigi Nicolardi.    

mauro ciardo
 
 
 
 

Pubblicato il 05/05/2010


Condividi: