Passione GiAlloRossA – Lecce - Sampdoria

A cura di Eugenio Losavio

 Un rigore inesistente condanna il Lecce

Per la decima giornata del girone di ritorno del Campionato di Serie A, il Lecce ospita allo Stadio Via del Mare la Sampdoria. Arbitra l’incontro Rocchi di Firenze che ha già diretto i giallorossi in tre occasioni (5^ giornata andata, Spal – Lecce 1 – 3; 15^ giornata andata, Lecce – Genoa 2 – 2; 3^ giornata ritorno, Lecce – Torino 4 – 0) coadiuvato dagli assistenti Passeri e Lo Cicero. Il Quarto Uomo è Illuzzi di Molfetta; al VAR, Pasqua di Tivoli; AVAR, Di Vuolo di Castellammare di Stabia.

Le formazioni  Liverani schiera il 5-3-2 con Gabriel tra i pali, Rispoli, Donati, Meccariello, Paz e Calderoni in difesa; capitan Mancosu, Tachtsidis e Barak in mediana; Falco e Saponara nel reparto avanzato.

Ranieri oppone il 4-4-1-1: Audero tra i pali, Bereszynski, Yoshida, Colley ed Augello in difesa; De Paoli, Ekdal, Thorsby e Jankto a centrocampo; Ramirez alle spalle di Bonazzoli.

Primo tempo  Al 7°, i padroni di casa vanno vicini al vantaggio con il colpo di testa di Meccariello: Audero devia in tuffo in corner; sugli sviluppi, la sfera arriva a Donati che, in diagonale, non inquadra lo specchio. Tre minuti sono gli ospiti a flirtare con il gol. Bonazzoli ci prova al volo da posizione defilata: Gabriel respinge in angolo con la punta delle dita. Al 40°, la Sampdoria sblocca il risultato con il calcio di rigore di Ramirez, concesso per un fallo di Tachtsidis su Jankto: l’estremo difensore giallorosso para la conclusione, ma la sfera carambola in rete. Dopo 3’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.

Secondo tempo  Mister Liverani opera una doppia sostituzione: Babacar e Petriccione prendono il posto rispettivamente di Meccariello e Tachtsidis. Al 50°, il Lecce pareggia con il rigore di Mancosu, concesso per un fallo di Thorsby su Saponara. Al 57°, Gabbiadini conclude a giro: l’estremo difensore giallorosso respinge il pericolo con un grande intervento. Al 68°, Farias subentra a Falco. Al 75°, secondo gol dei doriani con la doppietta, ed ancora su rigore, di Ramirez dopo un fallo di Paz su De Paoli. All’81°, Shakhov prende il posto di Saponara; Babacar, di testa, manda alto. All’86°, grande occasione per Barak per agguantare il pareggio: il suo tentativo, a botta sicura e da ottima posizione, viene bloccato da Audero. All’88°, Vera subentra a Calderoni. Dopo 7’ di recupero, Rocchi dichiara la fine delle ostilità.

Conclusioni  Il Lecce ha avuto un buon approccio alla gara ed è andato vicino al vantaggio con la doppia occasione di Meccariello e Donati. Con il passare dei minuti, la Sampdoria ha aumentato la pressione ed ha iniziato a creare pericoli in area avversaria. Quando la prima frazione si stava concludendo a reti bianche, è arrivato il gol degli ospiti. Nella ripresa, mister Liverani ha operato una doppia sostituzione per dare quadratura alla sua squadra. I giallorossi sono apparsi più convinti ed hanno trovato il pareggio con il rigore di Mancosu (10° gol stagionale). A rovinare tutto, ci ha pensato Rocchi che ha concesso un rigore molto dubbio ai liguri senza neanche andare a consultare il VAR. La squadra salentina ha continuato ad attaccare con grande volontà sfiorando il 2 a 2 ma il risultato non è cambiato. E’mancata cattiveria sotto porta. Il direttore di gara ha lasciato correre un fallo di reazione di Bonazzoli su Donati: il difensore è stato colpito con una scarpata in pieno volto. Una sconfitta che non ci voleva, anche perché maturata contro una diretta concorrente. Nonostante ciò, non bisogna mollare e si deve continuare a lottare per conquistare i 15 punti necessari per rimanere nella massima serie. In classifica, il Lecce rimane a 25, mentre i blucerchiati salgono a quota 29 ed abbandonano la zona rossa. Nel prossimo turno, i lupi giallorossi affronteranno in trasferta il Sassuolo sabato 4 alle 19 : 30; i doriani ospiteranno la Spal domenica 5 sempre alle 19 : 30.

E. Losavio

Pubblicato il 03/07/2020


Condividi: