Passione GialloRossa - Lecce, la manita è servita

a cura di Eugenio Losavio

Virtus Entella - Lecce 1 - 5

Per la settima giornata del girone di andata del Campionato di Serie B, il Lecce è impegnato in trasferta allo Stadio Aldo Gastaldi contro la Virtus Entella. Arbitra l’incontro Rapuano di Rimini coadiuvato dagli assistenti Berti e Villa. Il Quarto Uomo è Gariglio di Pinerolo.
Le formazioni  Tedino schiera il 3-5-2: Borra tra i pali, Pellizzer, Poli e Chiosa in difesa; De Col, Crimi, Paolucci, Mazzocco e Currarino a centrocampo; De Luca e Petkovic nel reparto avanzato.
Corini, dopo aver scontato la giornata di squalifica, opta per il 4-3-1-2 con Gabriel tra i pali, Adjapong, Lucioni, Meccariello e Zuta in difesa; Henderson, Tachtsidis e Paganini in mediana; capitan Marco Mancosu alle spalle di Coda e Stepinski.
Primo tempo  Al 14°, i padroni di casa vanno vicini al vantaggio con il diagonale di De Luca che, in diagonale, fa la barba al palo. Al 20°, Tachtsidis non inquadra lo specchio. Al 37°, il Lecce sblocca il risultato con il colpo di testa di Coda sul perfetto cross di Mancosu. Al 43°, i giallorossi potrebbero raddoppiare con Paganini: il centrocampista, imbeccato dal Capitano, spara addosso al portiere. Dopo 2’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.
Secondo tempo  Mister Corini inserisce Calderoni al posto di Zuta. Al 47°, i lupi giallorossi raddoppiano con Henderson, al termine di un’ottima ripartenza con protagonista il centrocampista sardo. Due minuti dopo, la Virtus Entella dimezza lo svantaggio con il colpo di testa di De Luca. Al 51°, Coda flirta con la doppietta personale: questa volta, Borra si oppone da campione. Al 58°, Paolucci allarga troppo il braccio ed intercetta la conclusione dell’ex attaccante del Benevento. Per Rapuano non ci sono dubbi: espulsione per il centrocampista ligure e tiro dal dischetto. Mancosu, con qualche brivido, non sbaglia. Al 65°, i ragazzi di Corini calano il poker con il colpo di testa di Paganini che riprende la respinta dell’estremo difensore avversario sul tentativo di Adjapong. Tra il 72° e l’82°, girandola delle sostituzioni per gli ospiti: Majer, Falco, e Maselli subentrano rispettivamente ad Herderson, Coda e Tachtsidis. All’88°, esordisce in Serie B il giovane Pierno che rileva l’ex giocatore del Frosinone. Al 93°, quinto gol degli ospiti con il colpo di testa di Stepinski che indirizza la sfera sul secondo palo. Il direttore di gara dichiara la fine delle ostilità.
Conclusioni  Vittoria, al di là del risultato, difficilissima perché ottenuta su un campo sintetico sul quale il Lecce non è abituato a giocare. Ad avere l’approccio migliore, sono stati i padroni di casa che sono andati vicini al vantaggio. Dopo un primo momento di smarrimento, gli ospiti hanno preso le misure agli avversari ed hanno iniziato a sviluppare trame di gioco interessanti. A suggello delle potenziali occasioni create, è arrivata la rete di Coda. Gli uomini di Corini hanno sfiorato anche il raddoppio, ma la prima frazione si è conclusa con un solo gol. Nella ripresa, la squadra giallorossa ha subito trovato il secondo gol; la Virtus Entella non si è arresa ed ha dimezzato lo svantaggio. Mancou e compagni non hanno accusato il colpo ed hanno ripreso lo stesso ritmo dei primi 45’. Da quel momento in poi, non c’è stata più partita. Gara ottima sotto tutti i punti di vista. Grande equilibrio tra i reparti e prestazione corale ad altissimi livelli. Migliore in assoluto, non solo per la rete personale, il Capitano (nella foto): il centrocampista sardo, infatti,  ha fornito due assist preziosissimi ai suoi compagni. In classifica, i liguri rimangono a 4 punti; i salentini salgono a quota 12 ed agganciano la Spal. Dopo la sosta per la Nazionale, i ragazzi di Tedino affronteranno in trasferta l’Ascoli domenica 22 alle 15; il Lecce ospiterà la Reggiana sabato 21 alle 14.


E. Losavio 


 

Pubblicato il 09/11/2020


Condividi: