Passione GialloRossa - Coda non basta. Alla fine è solo un pareggio

A cura di Eugenio Losavio

Cittadella - Lecce 2 - 2

Coda non basta. Alla fine è solo un pareggio

Per la sedicesima giornata del girone di andata del Campionato di Serie B, il Lecce è impegnato in trasferta allo Stadio Pier Cesare Tombolato contro  il Cittadella. Arbitra l’incontro Piccinini di Forlì che ha già diretto i giallorossi (Coppa Italia, Terzo Turno, Torino – Lecce 3 – 1 dts) coadiuvato dagli assistenti Grossi e Saccenti. Il Quarto Uomo è Illuzzi di Molfetta.

Le formazioni  Entrambe le squadre si schierano con lo stesso modulo, il 3-4-1-2.

Musso (allenatore e vice – allenatore colpiti dal COVID)  manda in campo Kastrati tra i pali, Vita, Adorni, Perticone e D. Donnarumma in difesa; Proia, Iori e Branca in mediana; D’Urso alle spalle di Tsadjout e Ogunseye.

Lanna oppone Gabriel tra i pali, Adjapong, Lucioni, Meccariello e Zuta in difesa; Henderson, Tachtsidis e Bjorkengren a centrocampo; capitan Mancosu alle spalle di Stepinski e Coda.

Primo tempo  Al 2°, Henderson scambia con Stepinski che costringe Kastrati alla respinta: arriva il tap – in dell’americano ma l’arbitro annulla per fuorigioco di quest’ultimo. All’8°, i padroni di casa sbloccano il risultato con il colpo di testa di Ogunseye. Tre minuti dopo, il Cittadella va vicino al raddoppio con lo stesso attaccante che, di petto, impegna severamente Gabriel. Al 12°, il Lecce va vicino al pareggio con Coda che conclude sul primo palo: l’estremo difensore veneto non si fa sorprendere. Al 18°, l’attaccante ex Benevento non sbaglia e rimette in piedi l’incontro. Al 40°, Stepinski conclude al volo e Kastrati si oppone con un po’ di fortuna. Al 45°, i salentini ribaltano il risultato con la doppietta del numero nove. Dopo 2’ di recupero, il direttore di gara manda le due squadre a bere un the caldo.

Secondo tempo  Al 57°, gli ospiti vanno vicino al terzo gol con Adjapong che sfiora il palo lontano. Tre minuti dopo, l’ex Rosafio (subentrato al 36° al posto dell’infortunato Tsadjout) va vicino al bersaglio grosso: Gabriel è attento sul primo palo. Un minuto dopo, il Cittadella flirta con il pareggio con il colpo di testa di Ogunseye che termina sul palo. Al 63°, Stepinski dai venti metri costringe Kastrati al grande intervento. Un minuto dopo, i veneti trovano il gol con il colpo di testa di Tavernelli (entrato al posto di D’Urso ad inizio ripresa). Al 65°, primo avvicendamento in casa giallorossa: Majer prende il posto di Bjorkengren. All’81°, l’estremo difensore brasiliano, in uscita bassa, chiude lo specchio a Proia. Due minuti dopo, Calderoni subentra a Zuta. All’84°, sul tentativo di Gargiulo (entrato all’83° al posto di Proia), l’estremo difensore giallorosso ci arriva con la punta delle dita. All’89°, Listkowski e Dubickas rilevano Mancosu e Stepinski. Dopo 4’ di recupero, Piccinini dichiara la fine delle ostilità.

Conclusioni  Partita intensa, come era lecito aspettarsi. A partire meglio è stato il Lecce che ha trovato il vantaggio con il tap – in di Henderson, poi annullato per fuorigioco. Con il passare dei minuti, i padroni di casa sono cresciuti ed alla prima vera occasione hanno sbloccato il risultato. I ragazzi di Lanna non sono stati a guardare ed hanno reagito collezionando ottime premesse per pareggiare. Dopo vari tentativi, i salentini hanno capovolto l’andamento dell’incontro. Nella ripresa, il copione non è cambiato, ma ad avere la meglio è stato il Cittadella. I veneti hanno sfiorato la vittoria: solo interventi prodigiosi di Gabriel hanno evitato la sconfitta. La squadra giallorossa non ha giocato male ma ha pagato a caro prezzo due disattenzioni gravissime in difesa. Tutto sommato, bisogna tenere in conto che i granata, causa COVID, la settimana scorsa avevano riposato. Bisogna concretizzare di più le occasioni sotto porta e migliorare la fase difensiva. Tra i migliori, Massimo Coda (nella foto). In classifica, i locali salgono a quota 27; i lupi a 25 insieme al Frosinone (con una partita in meno). Nel prossimo turno, i ragazzi di Venturato affronteranno in trasferta la Virtus Entella lunedì 4 gennaio alle 18; Mancosu e compagni ospiteranno il Monza, lo stesso giorno, ma alle 15.

E. Losavio                                                                                                                                               

 

Pubblicato il 03/01/2021


Condividi: