Martedì 30 marzo - l'attore e regista del Burkina Faso Jean Hamado Tiemtorè con la performance “Tungaya no man’s land” per il progetto "Nella città venni al tempo del disordine" di Astragali Teatro

Martedì 30 marzo alle 18 in streaming su Facebook e Youtube (@AstragaliTeatro)

Martedì 30 marzo alle 18 in streaming su Facebook e Youtube (@AstragaliTeatro) con la presentazione dei materiali di restituzione di “Tungaya no man’s land”, residenza teatrale di Jean Hamado Tiemtorè, si conclude "Nella città venni al tempo del disordine", progetto della compagnia Astràgali Teatro, finanziato da Artisti nei territori del MIC - Ministero della cultura e dalla Regione Puglia. Dal 12 marzo l'attore e regista originario del Burkina Faso, attivo in Italia, Francia, Belgio e molto impegnato nel campo del teatro sociale, ha lavorato per allestire questi nuovi materiali che confluiranno in uno spettacolo. «Tra il 1939 e il 1945, 350.000 soldati africani sono stati coinvolti nella seconda guerra mondiale, hanno contribuito a liberare la Francia e l'Europa dall'occupazione tedesca. Poi sono stati dimenticati, nonché "disonorati" e diffamati in diversi modi. Il nostro progetto», spiega Tiemtorè «vuole riportare alla luce, ridare voce, volto e dignità a questi eroi di guerra oggi rimasti nell’ombra della Storia e delle storie. Raccontare il loro percorso partendo dalle testimonianze degli ultimi sopravvissuti e dei loro discendenti: figli, nipoti e pronipoti, cresciuti talvolta ignorando il ruolo del loro bisnonno nella creazione del mondo libero contemporaneo. La vicenda parte da eventi reali, dal vissuto di mio nonno, ormai veterano, che ha combattuto sotto la bandiera francese insieme a tanti altri chiamati "la forza nera" e rimasti alla storia col nome di Tirailleurs sénégalais».


"Nella città venni al tempo del disordine" ha sperimentato un’azione di condivisione di ricerche e pratiche artistiche che nascono dalla riflessione sul ruolo che possono giocare le arti in generale e il teatro in particolare nella ricostruzione delle comunità e nella risoluzione non violenta dei conflitti. In programma tre residenze teatrali in presenza (Mana Chuma Teatro, Audrey Launaz e Matthieu Elie Pierre Juilland, Jean Hamado Tiemtorè) con momenti di presentazione e dimostrazione di lavoro sul web e spettacoli online di quattro compagnie pugliesi (con Astragali anche Terrammare, Teatro Le Forche e Diaghilev).

 

Info
www.astragali.it - teatro@astragali.org.

 

Pubblicato il 29/03/2021


Condividi: