Vive le Cinéma. Festival del cinema francese a Lecce

Dal 14 al 18 settembre 2020

Da lunedì 14 a venerdì 18 settembre nel Chiostro dei Teatini, nel cuore del centro storico di Lecce, torna "Vive le Cinéma". La quinta edizione del Festival del cinema francese, promosso da Regione Puglia e Fondazione Apulia Film Commission - Apulia Cinefestival Network, in collaborazione con Polo BilioMuseale, Comune di Lecce e altri partner pubblici e privati, ideato e diretto dal regista e sceneggiatore Alessandro Valenti, dal produttore Angelo Laudisa e dalla critica d'arte Brizia Minerva, a causa delle restrizioni anticovid19, cambia date (da luglio a settembre), location e formula (senza gara e giuria), mantenendo però intatta la qualità della selezione dei film scelti e proposti. Un'edizione che i direttori artistici definiscono "resiliente" e che nonostante le difficoltà propone cinque serate per scoprire e apprezzare il cinema transalpino. Come sempre in lingua originale con sottotitoli in italiano, i film sono quasi tutti in anteprima nazionale e, in larga parte, sono stati vincitori o candidati al Premio César (l'Oscar francese) e in altri prestigiosi concorsi internazionali. Purtroppo non è previsto il concorso con la giuria (che in questi anni ha ospitato tra gli altri Chiara Mastroianni, Nicole Garcia, François Ozon, Alba Rohrwacher) e saranno pochi gli ospiti presenti per la problematicità dei viaggi dall'estero. Le giovani attrici francesi Lyna Khoudri (Premio Cèsar 2020), Camélia Jordana (Premio César 2018), Nina Meurisse (con all'attivo numerosi premi e due recenti candidature al César e al Lumiere) saranno le protagoniste della "masterclass", a cura di Luca Bandirali, dedicata alle nuove generazioni del cinema francese. Nel Chiostro del Convitto Palmieri confermato l'appuntamento con gli "Spazi aperti della visione" a cura di Lorenzo Madaro e Brizia Minerva. Dal 2016 "Vive le Cinéma" porta in Puglia il meglio della cinematografia francese per consolidare i legami creativi con il Sud Italia e segnare un vero e proprio “patto culturale” tra la Puglia e la Francia, prima industria cinematografica Europea e terza al mondo con quasi 300 film prodotti ogni anno con oltre 200 milioni di spettatori.


Tra i lungometraggi in programma l'atteso "Roubaix, une lumière" di Arnaud Desplechin, in concorso a Cannes e vincitore (con l'attore protagonista Roschdy Zem) dei Premi César e Lumiere, che ricorda un caso di cronaca nera avvenuto a Roubaix nel 2002; "Papicha", interessante esordio della regista Mounia Meddour, che racconta il decennio nero dell'Algeria attraverso gli occhi di una giovane stilista interpretata da Lyna Khoudri; "Camille" di Boris Lojkine, storia di una fotoreporter giovane e idealista (Nina Meurisse) che va nella Repubblica Centrafricana per coprire l’imminente guerra civile; "La nuit venue" originale noir che segna l'esordio alla regia di Frédéric Farrucci con l'attrice e cantante Camélia Jordana, il film d'animazione "Les hirondelles de Kaboul" di Zabou Breitman, selezionato a Cannes, storia d'amore ambientata nel 1998 in una Kabul occupata dai talebani; "Amare Amaro" che il regista Julien Paolini ha girato in Sicilia con la partecipazione dell'attrice salentina Celeste Casciaro.

Ricca la selezione di cortometraggi con "Pile poil" di Lauriane Escaffre e Yvonnick Muller, premio César 2020, "Les coups des larmes" di Clémence Poésy, "Beauty boys" di Florent Gouelou, "Baltringue" di Josza Anjembe e "Genet à Tanger" di Guillaume de Sardes.

Vive le cinéma propone, come ogni anno, una serata interamente dedicata ai documentari con "M" di Yolande Zauberman, vincitore del premio César e del Premio speciale della giuria a Locarno, girato in yiddish e ambientato a Bnei Brak, città vicino a Tel Aviv, capitale mondiale degli charedì, gli ebrei ultra-ortodossi, detti timorati di Dio; "Histoire d'un regard" che Marianna Otero dedica al fotoreporter Gilles Caron, morto prematuramente e improvvisamente in Cambogia nel 1970; per gli amanti della musica, "Sebastien Tellier: many lives" di François Valenza che tratteggia la metamorfosi del cantautore, musicista e polistrumentista francese dai primi successi ai fumosi vagabondaggi, dal turbine delle celebrazioni sociali agli spasimi della creazione.

Se l'Ex Convento dei Teatini accoglierà tutte le proiezioni, l'ex Convitto Palmieri ospiterà la masterclass e, nel suo chiostro interno, "Spazi aperti della visione", appuntamento collaterale del Festival, avviato durante l’edizione 2019 e curato da Lorenzo Madaro e Brizia Minerva. Un continuo rincorrersi di proiezioni, momenti di confronto e dialoghi condivisi, un vero e proprio laboratorio di confronti serrati, dibattiti e stupori dinnanzi alla visione della video arte con gli interventi video di Rä di Martino, Valentino Catricalà e Clio Simon e la partecipazione di Rossella Piccinno.


Info www.vivelecinema-festival.com

 

Ufficio Stampa Fondazione Apulia Film Commission
 

Pubblicato il 31/08/2020


Condividi: