Leuca - ancora emergenza rifiuti

C’era da aspettarselo. Se da un lato gli inviti al buon senso – rivolti dalle autorità ai cittadini che da oggi resteranno senza servizio di raccolta di rifiuti indifferenziati nei comuni dell’Ato Lecce/3 – sono stati accolti favorevolmente (già dal tardo pomeriggio di ieri quasi nessuno ha esposto le cassette o i sacchetti della spazzatura di fronte alle abitazioni), dall’altro sono caduti nel vuoto, innescando un’insensata corsa all’abbandono.
Sulla provinciale che collega Patù a Morciano di Leuca, una decina di sacchetti pini d’immondizia sono stati gettati sul ciglio stradale e abbandonati sul bordo delle campagne. Nella campagna di Salve, un piccolo cumulo di rifiuti è stato dato alle fiamme nelle notte.  Situazione pressoché identica nell’agro di Castrignano del Capo, dove qualche balordo, nella notte, ha pensato bene di disfarsi dei cosiddetti ingombranti: televisioni, materassi, frigoriferi e batterie d’auto giacciono tra gli alberi di ulivo secolari.
E se ancora sembra lontana l’emergenza ambientale, gli agricoltori appaiono molto preoccupati dal fenomeno dell’abbandono: «Se continueranno di questo passo – sostiene preoccupato un olivicoltore – ci ritroveremo le campagne come pattumiere. Tutti si preoccupano del decoro delle strade ma pur di disfarsi dei rifiuti preferiscono gettarli lontano da occhi indiscreti, provocando ben più gravi danni ambientali».
La passeggiata domenicale, per molte famiglie, è stata l’occasione per gettare la spazzatura nei pochi cassonetti liberi ancora presenti sulla litoranea ionica. La situazione più critica, al momento, è quella nei pressi dei ristoranti, che hanno praticamente esaurito l’autonomia dei cassonetti.
E se la paura inizia a far perdere il senno a molti, c’è chi ha riscoperto l’utilità del compostaggio, il procedimento chimico che trasforma i rifiuti umidi in valido fertilizzante per la terra. È sufficiente disporre di un orticello e scavare una fossa. I rifiuti accumulati, dopo un processo di fermentazione, daranno vita ad un ottimo concime.

Gabriele Rosafio

 

Pubblicato il 07/01/2009


Condividi: