Leuca - Accusa l’ex, ma lo stalker è lui

Accusa l’ex, ma lo stalker è lui
 
 
Atti persecutori e calunnia. Queste le accuse con le quali, nella giornata di ieri, i militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Gallipoli, coadiuvati dai colleghi della Stazione di Castrignano del Capo, hanno tratto in arresto, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, Massimo Micheli.
 
L’uomo, 48enne di Santa Maria di Leuca, è stato al centro di una attività d’indagine iniziata in seguito ad una serie di denunce presentate dalla sua ex compagna. La donna denunciava che l’ex compagno la stava riempiendo di SMS e telefonate minatorie, nelle quali la minacciava di morte e prometteva di suicidarsi. Non pago di tutto ciò, Micheli, ha intensificato le sue minacce dopo aver saputo che l’ex compagna stava frequentando un altro uomo.
 
Ma c’è di più. Il 48enne, dopo il vano tentativo di allontanare il nuovo partner della sua ex con fiumi di messaggi e telefonate, si è presentato più volte nei comandi di Carabinieri e Guardia di Finanza per denunciare la nuova coppia. Micheli li accusava di essere dei veri propri stalker che, a suo dire, lo tartassavano di chiamate ed SMS, che il 48enne puntualmente si recava a mostrare ai militari.
 
Le indagini dei Carabinieri di Gallipoli, però, concentratesi sul traffico telefonico delle utenze in questione, hanno presto dimostrato che era lo stesso Micheli, tramite una scheda intestata all’ex compagna, ad inviare SMS e a telefonate al proprio numero, attribuendole alla donna.
 
Sulla base di questo i militari di Gallipoli hanno deferito in stato di libertà l’uomo, richiedendo l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti. Sia il Pubblico Ministero, Dott. Massimiliano Carducci, che il GIP, Alcide Maritati, hanno condiviso quanto descritto dai Carabinieri ed hanno richiesto ed emesso un’ordinanza di custodia cautelare. Nel pomeriggio di ieri il 48enne Micheli, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari, con il divieto assoluto di frequentazione e contatto con l’ex compagna.
 
Fonte: Il Gallo

Pubblicato il 15/10/2014


Condividi: