Curiosità da Leuca - Oggi scopriamo il poeta e Vernacolo Carlo Vincenzo Greco

A cura di Totò Vallo

Un poeta ‘popolare’ e sincero, che non nasconde il suo amore per quel ‘vernacolo’ salentino che, con grande spontaneità, alterna con i versi in lingua, scegliendo la semplice ed espressiva sequenza di rime ed accenti negli schemi più usuali.

E questi sono i suoi versi dedicati a Leuca

– “Leuca, mia cara”: Tra ddo’ marine de turchinu tinte, / cu ll’acque ca se mmescanu serene, / a ‘Finibus terrae’, Italia beddha, / eccu, nc’è Leuca. // Paise, cu llu sule fenca a sira, / ca scarfa ogne zzinzulu de vita / tra mare e na campagna suletaria, / arsa de site; / ma postu nu canuscu cchiù cujetu, / cchiù atattu cu se carma lu nervosu / quandu, straccu pe lla fatìa superchia, / ògghiu mme riposu. // Tra ddo’ marine de turchinu tinte, / cu ll’acque ca se mmescanu serene, / a ‘Finibus terrae’, Italia beddha, / Lèuca te spetta.

Pubblicato il 10/09/2020


Condividi: