Salve - Arresto per droga

Nel 2000 fornì droga a cliente che morì

Salve -  fornì droga ad un acquirente che poi morì.

Arrestato


Salve  - Arrestato Piero Giangreco, 41enne di Salve già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo deve scontare, ai domiciliari, un residuo di pena di sei mesi per spaccio di sostanze stupefacenti.  I fatti che gli vengono imputati  risalgono al febbraio del 2000 quando nel vicino ospedale di Gagliano del Capo giunse un 42enne di Barbarano del Capo, morto a causa di un micidiale cocktail di eroina e cocaina .Dalle indagini avviate dai militari di Salve emerse che le sostanze stupefacenti erano state acquistate dal Giangreco su richiesta della vittima. Lo spacciatore, dopo aver ricevuto all’epoca 400mila lire dal suo acquirente, si recò a Scorrano per procurarsi le droghe ma, visto che i soliti rifornitori erano stati arrestati, andò a Lecce dove riuscì a concluderel’affare. Il Giangreco, per accertarsi della bontà dello stupefacente acquistato, assaggiò sia l’eroina che la cocaina ma sulla strada del ritorno si sentì male. Nonostante quest’episodio diede ugualmente la droga al suo acquirente che a causa del micidiale cocktail  morì. In sede processuale Giangreco è stato quindi riconosciuto colpevole del reato di spaccio di sostanze stupefacenti e adesso deve scontare, in regime di detenzione domiciliare, un residuo di pena di sei mesi. Piero Giangreco è stato, quindi, trasferito presso la propria abitazione di Salve nella quale dovrà rimanere fino a che non avrà scontato l’intera pena.

 

Pubblicato il 10/12/2009


Condividi: