Passione GialloRossa - La Paganese si arrende ad un super Caglioni

a cura di E. Losavio

La Paganese si arrende ad un super Caglioni
 
Nella sesta giornata di Campionato di Lega Pro girone C, il Lecce ospita allo Stadio Via del Mare la Paganese. Arbitra l’incontro Forneau di Roma 1, coadiuvato dagli assistenti Della Vecchia e Cantiani.
 
Le formazioni  Chini (Lerda squalificato) conferma il 4-4-2 con Caglioni tra i pali, Mannini, Sacilotto, Martinez e Lopez W in difesa; Carrozza, Papini, Filipe Gomes e Doumbia a centrocampo; in avanti la coppia Della Rocca e capitan Miccoli.
Cuoghi risponde con un 3-5-2 con l’ex Marruocco tra i pali, Tartaglia, Moracci e Bocchetti in difesa; Vinci, Deli, Herrera, Calamai e Paterni a centrocampo; in attacco Bussi e l’ex Caccavallo.
 
Primo tempo  Inizia la gara e dopo i pericoli portati in area avversaria, al 13’ il Lecce passa in vantaggio: Carrozza serve Miccoli che con un tiro al volo supera Marruocco. La Paganese non si abbatte e al 25’ Herrera mette in mezzo un cross interessante che Mannini devia in angolo. Un minuto dopo, Bussi ci prova su calcio di punizione ma il numero uno giallorosso respinge con i pugni. Al 28’, il Capitano lancia Doumbia che si presenta a tu per tu con il portiere avversario che anticipa il giocatore in uscita disperata. Al 42’, Miccoli serve Carrozza che mette in area un cross delizioso: Della Rocca colpisce di testa ma centrale. Dopo 1’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.
 
Secondo tempo  Inizia la ripresa e Chini opera il primo cambio inserendo Donida al posto di Carrozza. Il Lecce si lancia subito all’attacco con Filipe Gomes che serve il Romario del Salento ma Marruocco lo anticipa di testa. Al 62’, il vice di mister Lerda opera il secondo cambio con Moscardelli al posto di Della Rocca. La Paganese prende coraggio e al 66’ Caglioni deve effettuare un’uscita bassa per anticipare l’ex Malcore (subentrato a Bussi). Un minuto dopo è sempre la squadra siciliana a rendersi pericolosa: Herrera passa a Caccavallo, la sfera termina a Malcore ma anche questa volta il portiere di casa è attento. Al 70’, Deli ci prova dalla distanza ma senza fortuna. Al 73’, Chini per rafforzare la difesa,completa le sostituzioni inserendo Carini al posto di Doumbia. Al 77’,  il Lecce va vicinissimo al raddoppio con Moscardelli che, servito da destra dall’attaccante di San Donato, da due passi e a porta vuota spara alto sulla traversa. All’82’, ci prova anche Caccavallo ma neanche lui raccoglie i frutti sperati. All’88’, il numero 10 giallorosso serve Moscardelli che, saltato il portiere, tira in porta ma Moracci respinge sulla linea. Sul finire della partita, la squadra ospite conquista un calcio di punizione dal limite: Caccavallo disegna una parabola che sembra imprendibile ma non per Caglioni che, con un grande intervento, toglie la sfera dall’incrocio dei pali. E’ una parata che salva il risultato. Dopo questa azione, Forneau dichiara la fine delle ostilità.
 
Conclusioni  Se il Lecce esce vittorioso con il minimo scarto dalla partita, il merito è di Nicholas Caglioni. La squadra giallorossa ad un primo tempo in cui ha attaccato trovando il gol del Capitano (secondo stagionale), nella seconda parte di gara si è limitata a controllare il risultato senza mai tirare in porta e, quando ne ha avuto la possibilità, Moscardelli ha sprecato le occasioni che si sono presentate (soprattutto la prima). La Paganese ci ha creduto fino alla fine chiudendo la squadra salentina nella propria area senza però riuscire a trovare almeno il gol del pareggio che avrebbe meritato ampiamente. Oltre al portiere, chi ha messo il cuore è stato Fabrizio Miccoli che per tutti i 90’ ha sfornato assist per i suoi compagni. L’importante per il Lecce era conquistare la vittoria per non perdere il contatto con le prime, ma non si può assolutamente regalare un intero tempo agli avversari che solo grazie all’aiuto della dea bendata e della giornata di grazia del proprio portiere non hanno trovato la via della rete. Ora bisogna cambiare registro e conquistare i primi 3 punti anche in trasferta: la buona notizia è il ritorno in panchina di mister Lerda dopo la lunga squalifica. Con questo successo, i salentini salgono a 11 punti insieme a Casertana, Catanzaro, Juve Stabia e Lupa Roma; la Paganese rimane a 4 con Melfi e Messina. Nel prossimo turno, sabato 4 ottobre, il Lecce giocherà in trasferta a Messina; la squadra siciliana ospiterà la Juve Stabia.
 
E. Losavio 
 

Pubblicato il 29/09/2014


Condividi:

Articoli correlati