Passione GialloRossa - Il Lecce perde l'imbattibilità casalinga

a cura di E. Losavio

 

Il Lecce perde l’imbattibilità casalinga
 
 
Per la quindicesima giornata del girone di andata di Lega Pro, girone A, il Lecce affronta al Via del Mare il Sud Tirol. Arbitra l’incontro Abisso di Palermo.
 
Le formazioni  Lerda, che deve fare a meno dell’infortunato Bogliacino, schiera un 4-3-3 con Benassi tra i pali, Vanin, Di Maio, Esposito e Legittimo in difesa, Memushaj, capitan Giacomazzi e Zappacosta a centrocampo, Falco, Foti e Chiricò nel tridente avanzato. Anche Vecchi utilizza lo stesso modulo con Marcone tra i pali, Iacoponi, Cappelletti, Bassoli e Martin in difesa, Furlan, Bertoni e Branca a centrocampo, Fink, Maritato e Campo in attacco.
 
Primo tempo  Inizia l’incontro e a fare la parte del leone sono gli ospiti. All’8’, la squadra altoatesina va vicina al vantaggio con un gran tiro dalla distanza di Branca sul quale Benassi si distende in tuffo per deviare in calcio d’angolo. Al 12’, il Lecce corre un altro pericolo per una deviazione di Legittimo sulla quale il numero uno giallorosso si supera per evitare la frittata. Al 22’, viene allontanato dalla panchina Lerda per non aver gradito l’ammonizione di Giacomazzi per un fallo di mani e tre minuti dopo, la stessa sorte capita al Dott. Palaia. Al 30’, l’estremo difensore giallorosso risponde con sicurezza ad una conclusione dalla distanza di Furlan. Per adesso il Lecce non si è mai affacciato in area avversaria. Dopo 1’ di recupero, l’arbitro manda tutti a bere un the caldo.
 
Secondo tempo  La seconda parte della gara inizia con i giallorossi un po’ più volenterosi, complice anche lo spazio che lascia il Sud Tirol alla ricerca del vantaggio. Al 6’, Foti non sfrutta un bell’assist di prima di Zappacosta mandando fuori a porta vuota. Purtroppo per il Lecce, questa è  l’ultima azione dell’ex attaccante doriano perché al 10’, per aver mandato a quel paese l’arbitro, viene espulso lasciando i giallorossi in inferiorità numerica. Un minuto dopo, Vecchi opera il primo cambio inserendo il senegalese Thiam al posto di Fink. Per far fronte all’espulsione, Lorieri ( allenatore in seconda) opera una doppia sostituzione inserendo Jeda e Pià al posto di capitan Giacomazzi e Falco: la fascia di capitano passa a Benassi. I giallorossi sembrano prendere un po’ di coraggio e al 15’ vanno vicini nuovamente al vantaggio con Chiricò che, dalla stessa posizione di Foti, non inquadra lo specchio e al 19’ il nuovo entrato Jeda manda alto un suo tentativo. L’intraprendenza dei giallorossi si spegne subito. Al 33’, infatti, la squadra ospite sfiora il vantaggio: Branca, dopo una discesa sulla sinistra, serve un assist in area per Thiam che colpisce la sfera di petto e la spedisce in rete, ma la gioia del gol viene soffocata dal guardalinee che segnala il fuorigioco. Al 37’, Vecchi opera l’ultimo cambio a disposizione, inserendo Pasi al posto di Campo. Tre minuti dopo, cala ancora di più il gelo sul Via del Mare: è proprio il neo entrato Pasi che indirizza la sfera all’incrocio dei pali, Benassi la considera fuori, ma purtroppo per lui, la sfera gonfia la rete. Addirittura il SudTirol potrebbe raddoppiare se Branca non colpisse il palo a  Benassi battuto.  Dopo 4’ di recupero, Abisso manda tutti sotto la doccia.
 
Conclusioni  Il Lecce, dopo sei risultati utili consecutivi ottenuti in casa, subisce il primo arresto in  terra amica, ma se si considera anche la sconfitta di Perugia in Coppa Italia ( anche se indolore ), sono tre sconfitte consecutive nelle ultime giornate. La squadra è apparsa poco brillante e con poca voglia di raggiungere il massimo scopo. L’unico che, secondo me, ha messo un po’ di determinazione, è stato Zappacosta. Invece, tra i peggiori, rientra capitan Giacomazzi che in tutti i 90’, non ha indovinato un appoggio. Paradossalmente un po’ di gioco da parte dei salentini, si è visto soltanto dopo essere rimasti in dieci. Per quanto riguarda il SudTirol, ha giocato bene e con il neo entrato Pasi ha trovato il vantaggio dopo averlo sfiorato in altre occasioni. Per effetto di questa sconfitta, il Lecce rimane a 29 punti a soli 3 punti di vantaggio dalla seconda ( il Carpi), invece gli altoatesini raggiungono quota 25. Nella prossima giornata, i salentini saranno impegnati in trasferta a Carpi in una partita che, in caso di nuovo K.O. , farebbe perdere la leadership solitaria del girone; il SudTirol ospiterà il Portogruaro nel posticipo del lunedì alle 20:45.
 
E. Losavio    
 

Pubblicato il 10/12/2012


Condividi: