Passione GialloRossa - Zigoni fa sperare ancora il Lecce

a cura di E. Losavio

Zigoni fa sperare ancora il Lecce
 
Per la quattordicesima giornata del girone di ritorno del Campionato di Lega Pro Prima Divisione girone B, il Lecce è impegnato in trasferta allo Stadio Carlo Zecchini contro il Grosseto. Arbitra l’incontro Di Martino di Teramo che ha già diretto i giallorossi (12^ giornata di andata, Lecce – Prato 2 – 0), coadiuvato dagli assistenti Chiocchi e Malacchi.
 
Le formazioni  Acori schiera il classico 4-4-2 con Lanni tra i pali, Formiconi, Burzigotti, Biraschi e l’ex Legittimo in difesa, Onescu, Obodo, Ricci e Pagano a centrocampo, in avanti Ferretti e Marotta.
Lerda oppone il 4-2-3-1 con Caglioni tra i pali, Diniz, Martinez, l’ex Abruzzese e Lopez W in difesa, l’ex Papini e Salvi a centrocampo, Barraco, Doumbia e capitan Miccoli in sostegno dell’unica punta Beretta. 
 
Primo tempo  Inizia la gara e i padroni di casa partono subito all’attacco. Non è ancora scoccato il primo minuto di gioco quando i toscani vanno vicini al vantaggio con una punizione dai venticinque metri che termina di poco fuori dando l’illusione del gol. All’8’, Onescu serve Ferretti che arriva a pochi centimetri dalla sfera con Caglioni che si impossessa del pallone. Al 15’, il Grosseto colleziona l’occasione più nitida per sbloccare il risultato. Il protagonista dell’azione è sempre il romeno Onescu che crossa per Marotta in area; l’attaccante biancorosso conclude al volo costringendo Caglioni ad una difficile deviazione in angolo con la punta delle dita. Al 32’, si vede finalmente il Lecce con Diniz che dalla fascia destra mette in mezzo un pallone interessante, ma Miccoli e Beretta vengono anticipati dalla difesa avversaria Dopo 1’ di recupero, l’arbitro manda tutti a bere un the caldo.
 
Secondo tempo  La ripresa ricomincia con un Lecce più propositivo. Al 2’, il Capitano mette in mezzo un cross interessante per Papini che prima di colpire di testa viene anticipato da Lanni. Al 59’, i padroni di casa rimangono in inferiorità numerica: capitan Formiconi, già ammonito, commette fallo su Doumbia e Di Martino lo spedisce anzitempo negli spogliatoi. Al 62’, i pugliesi confezionano un’azione interessante: Beretta, ricevuta la sfera da Diniz, serve il Romario del Salento il cui tiro viene deviato fuori. Per sfruttare la superiorità numerica, mister Lerda al 64’ opera i primi due cambi inserendo Amodio e Zigoni al posto di Salvi e Barraco. Il gol per i giallorossi è nell’aria e arriva al 69’ con il nuovo entrato Gianmarco Zigoni che, su un cross di Doumbia, anticipa il suo diretto marcatore e di testa gonfia la rete. Al 74’, i salentini potrebbero raddoppiare con Miccoli che, a tu per tu con Lanni, spara addosso al portiere. Al 77’, l’allenatore di Fossano completa i cambi a disposizione inserendo Ferreira Pinto al posto dell’attaccante di san Donato. Dopo 4’ di recupero, Di Martino dichiara la fine delle ostilità.
 
Conclusioni  Come scritto in altre circostanze, non è stato il miglior Lecce ma nonostante tutto si portano a casa tre punti importantissimi. E’ stata una partita dai due volti: nel primo tempo, per i primi 20’ si è visto un buon Grosseto che spinto dal suo pubblico ha messo in difficoltà gli ospiti con azioni ben congegnate e con un giro di palla molto veloce. Decisivo è stato il colpo di reni di Caglioni sulla conclusione di Ferretti che ha mantenuto in parità l’andamento dell’incontro. Verso la fine della prima metà di gioco, i giallorossi hanno dato segnali di risveglio. I secondi 45’ sono stati di marca pugliese con la squadra che è partita subito all’attacco complice anche un rallentamento dei biancorossi. A “coronare” l’ottima partenza è arrivato il gol di Zigoni che si è rivelato “il coniglio dal cilindro” del mago Franco Lerda. Per l’attaccante scuola Milan si è trattato dell’ottavo gol stagionale. Se si vuole indicare un migliore in campo, si può indicare il numero uno Caglioni che in un momento importante dell’incontro ha evitato il gol che avrebbe potuto indirizzare la partita verso binari differenti. Visto il turno di riposo della capolista Frosinone, questa vittoria dà speranza al Lecce per centrare l’obiettivo difficile ma non impossibile della promozione diretta poiché ora la squadra si trova a -1 dal Perugia che insieme ai ciociari ha 59 punti. Il prossimo turno può dirci qualcosa visto che i pugliesi ospiteranno allo Stadio Via del Mare alle ore 15:00 il Frosinone in un incontro che promette spettacolo e che sarà carico di tensione. Bisognerà fare bottino pieno e aspettare buone notizie dallo scontro degli umbri contro il Pontedera. Il Grosseto rimane a quota 40 e nel prossimo turno affronterà in trasferta il Viareggio. Tra i giallorossi mancherà Martinez che, diffidato, è stato ammonito.
 
E. Losavio        
 

Pubblicato il 07/04/2014


Condividi:

Articoli correlati