Leuca - Contro le trivelle nell'Adriatico, manifestazione a Monopoli

Sabato 21 gennaio 2012, ore 09,00 - Piazza V. Emanuele - Monopoli

Contro le trivelle nell'Adriatico, manifestazione a Monopoli
 


Grande manifestazione per difendere il territorio pugliese dalle multinazionali del petrolio. Sabato 21 gennaio 2012,ore 9.00,piazza Vittorio Emanuele,Monopoli

L'iniziativa, promossa dalla Regione Puglia, dal Comune di Monopoli e da Anci Puglia, vede coinvolte anche Province, amministrazioni comunali e associazioni, gruppi di maggioranza e opposizione, rappresentanti delle istituzioni: tra questi i sindaci di Bari, Michele Emiliano, Emilio Romani di Monopoli e Angelo Bovino di Polignano, l'assessore all'Ambiente della Provincia di Bari, Giovanni Barchetti, i rappresentanti di Legambiente regionale (Francesco Tarantini) e Wwf (Stefano Lenzi), oltre che la coordinatrice del comitato promotore Silvia Russo.
Il presidente del Consiglio Onofrio Introna, ha sottolineato l'importanza della manifestazione che rappresenta ''un ulteriore passo in avanti nella battaglia per la salvaguardia dell'ecosistema e che si colloca nel solco della politica ambientale della Regione, che ha investito sulla green economy per lo sviluppo e la crescita del territorio. Un modo - ha concluso - per sollecitare il governo nazionale e il Parlamento europeo ad approvare una legge contro lo sfruttamento delle risorse nell'Adriatico''.

La proposta di trivellare la costa per la ricerca e l’estrazione del petrolio è stata avanzata dalla ditta petrolifera -Northern Petroleum Plc- per l’esplorazione della costa salentina pugliese fra Brindisi e Lecce, alla ricerca di idrocarburi
La Northern Petroleum Plc ha sede legale nel Regno Unito, a Londra. In Italia la sua sede operativa è a Roma, in Viale di Trastevere 249 e sul suo sito ufficiale www.northpet.com.
La Northern Petroleum afferma di avere come missione quella di acquisire siti esplorativi e produttivi a basso costo d’ingresso, allo scopo di aumentarne il valore per i propri azionisti, non per favorire la bilancia energetica italiana ed ha programmato di avviare il suo iter burocratico per trivellare le coste del basso Adriatico. Le località interessate sono Bari, Monopoli, Polignano a mare, Brindisi, Fasano, Cisternino, Ostuni, Carovigno, Meledugno, Otranto, Giurdignano, Uggiano La Chiesa, Torre Guaceto, Macchia San Giovanni, Punta della Contessa, Foce Canale Giancola, Rauccio, Aquatina Frigole, Torre Veneri, Le Cesine, Torre dell’Orso, Palude dei Tamari, Laghi Alimini, Santa Maria di Leuca, Posidonieto Capo San Gregorio, Punta Ristola.
In particolare prevedono indagini esplorative con la tecnica dell’airgun e l’installazione di pozzi estrattivi a una ventina di chilometri dalla riva, in zone altamente turistiche e naturalistiche con ben nove aree protette.


Autore/Fonte: urp@comune.castrignanodelcapo.le.it
 

Pubblicato il 19/01/2012


Condividi:

Articoli correlati