Gagliano - amministratori minacciati

Deciso il rito abbreviato

Gagliano del Capo Amministratori minacciati - rito abbreviato

Gagliano del Capo -    Saranno giudicate con rito abbreviato le tre persone accusate di minacce agli amministratori comunali. Lo ha deciso ieri mattina il giudice per l’udienza preliminare Nicola Lariccia, che ha accolto una richiesta in tal senso accettando la costituzione di parte civile dell’amministrazione comunale, rappresentata in giudizio dal legale Angelo Pallara. I tre indagati, Antonio Pizzolante (difeso dall’avvocato Silvio Caroli), Donatello Raona (legale Luigi Puce) e Angelo Greco (avvocato Giovanna Accogli) vennero arrestati lo scorso giugno con l’accusa di essere la mente e gli esecutori materiali di minacce nei confronti del sindaco Antonio Buccarello, del vicesindaco Antonio Ercolani e del capogruppo di maggioranza Achille Romano, attraverso l’invio di polvere da sparo e pallini, scritte sulla tomba di famiglia del sindaco e sui muri dell’abitazione del consigliere. Oltre all’amministrazione, si è costituito in giudizio Buccarello (con l’avvocato Riccardo Giannuzzi) e un barista, Luigi Pizzolante (difeso da Biagio De Francesco), che subì l’incendio della casa estiva per i rapporti di amicizia con il sindaco. Non si sono costituiti Ercolani e Romano. La discussione è stata programmata per il 7 luglio prossimo. 
 
 
  m.c.
 
  
 

Pubblicato il 22/05/2009


Condividi: