Endometriosi: marzo è il mese della Consapevolezza Si parla live di Adenomiosi: che cos'è e quali sono le nuove frontiere

1 marzo, h. 21 diretta Facebook organizzata da A.P.E.

 

Marzo è il mese della consapevolezza dell'endometriosi e come ogni anno l'A.P.E. ODV (Associazione Progetto Endometriosi) si impegna ad accendere maggiormente i riflettori su questa patologia molto diffusa, che colpisce 1 donna su 10, quindi in Italia circa 3 milioni nei vari stadi clinici, ma ancora oggi è poco conosciuta e sottovalutata.

Sono tante le storie di donne affette da endometriosi che raccontano di ritardi diagnostici di molti anni, della mancata conoscenza della patologia da parte dei medici e di costi altissimi, di sofferenze continue con gravi ripercussioni psicologiche, perché invece di essere aiutate, passano per esagerate e stressate.

“Tra le tante attività in programma questo mese – sostiene la presidente Annalisa Frassineti - saremo presenti su Facebook e Youtube con dirette dedicate ogni volta a uno specialista diverso. L'1 marzo saremo in compagnia del dottor Stefano Scarperi e con lui parleremo di adenomiosi, un problema che tante donne hanno, ma che a oggi non ha cure risolutive e può portare ad avere dolori lancinanti oltre che essere una delle cause di infertilità”.

Lunedì dalle 21, con il Dr. Scarperi, responsabile clinico e referente del Centro Endometriosi e del Dolore Pelvico Cronico presso l’Azienda Universitaria Integrata di Verona, si parlerà live di questa patologia benigna, che come l’endometriosi è una malattia estrogeno-dipendente, piuttosto comune tra le donne di età compresa tra i 35 e i 50 anni, in cui il tessuto ghiandolare dell’endometrio è presente all’interno del miometrio.

È diversa dall’endometriosi, pur avendo molti aspetti comuni a livello cellulare, come la sensibilità agli estrogeni e sintomi molto simili, come il dolore mestruale, il dolore pelvico cronico o ricorrente, la dispareunia. Inoltre le due patologie sono molto spesso associate e, almeno in alcuni casi, l’adenomiosi uterina probabilmente deriva da un’infiltrazione uterina dall’esterno, cioè dall’endometriosi profonda del Douglas o del setto retto-vaginale. 

Si parlerà delle novità nel trattamento dell’adenomiosi e si potranno scrivere nei commenti le domande, ne verranno selezionate alcune, che saranno lette live. Nonostante il periodo complicato A.P.E. ODV, un gruppo di donne che si basa sul reciproco sostegno e conforto, continua a fare formazione e informazione per creare consapevolezza, abbattere le barriere e far sentire a tutte la vicinanza, per rispondere a dubbi e curiosità.

Uno degli obiettivi più importanti per A.P.E. ODV è quello di creare legami basati sull'empatia: le donne possono darsi coraggio e condividere conoscenza attraverso la propria esperienza.

ENDOMETRIOSI: può manifestarsi attraverso sintomi ben precisi, come la dismenorrea (dolore acuto e lancinante durante il ciclo e l’ovulazione, che può irradiarsi alle gambe, mal di testa, nausea, stipsi o diarrea, mal di schiena), cistiti ricorrenti, perdite intermestruali e colon irritabile, dolore pelvico cronico. Inoltre, l’endometriosi può essere causa di infertilità (30-35), di disfunzioni sessuali legate al dolore che si prova durante il rapporto, di sindrome da affaticamento cronico e, in generale, di riduzione della qualità della vita.

 

Pubblicato il 01/03/2021


Condividi: