MOTTOLA: IL PRESEPE NELLA CIVILTÀ RUPESTRE 23 dicembre e 5 gennaio

Home » Dal Salento »

MOTTOLA: IL PRESEPE NELLA CIVILTÀ RUPESTRE 23 dicembre e 5 gennaio

19/12/18
MOTTOLA: IL PRESEPE NELLA CIVILTÀ RUPESTRE  23 dicembre e 5 gennaio
MOTTOLA: IL PRESEPE NELLA CIVILTÀ RUPESTRE 
23 dicembre e 5 gennaio:
la Natività nelle grotte del
Santuario Madonna delle sette Lampade
 
Oltre cento figuranti in abiti d’epoca, antichi mestieri, soldati a cavallo, musiche natalizie in sottofondo, il calore dell’attesa del momento più magico dell’anno e il fascino della grotta della Natività. Il tutto immerso in un paesaggio mozzafiato, dalle sfumature incantevoli e dagli scorci che ricostruiscono l’ambientazione di quanto accaduto nella notte che ha cambiato la storia del mondo.
È tutto pronto per la XIX edizione del Presepe vivente di Mottola organizzato dal gruppo folkloristico Motl la Fnodd con il patrocinio del Comune di Mottola e la collaborazione dell’Istituto comprensivo Alessandro Manzoni. Due giornate da non perdere: domenica 23 dicembre e sabato 5 gennaio. Location d’eccezione saranno anche per il 2018 le grotte naturali del Santuario Madonna delle sette Lampade, nel cuore della civiltà rupestre. Due le novità assolute. Il “Presepe nel presepe”: una scenografia con statue di circa un metro di altezza, allestita grazie alla collaborazione dell’associazione Nativity e “Il presepe dei piccoli” a cura degli alunni della scuola dell’infanzia. 
 
IL GRANDE EVENTO. Il primo appuntamento di domenica 23 dicembre dalle ore 10:00 alle 12:00 sarà dedicato al “Presepe dei piccoli”. Una rappresentazione a cura della scuola Dante Alighieri, che vedrà come protagonisti gli alunni coordinati dai loro docenti. Le scene verranno riprese con le immagini aeree del drone messo a disposizione da Carmine Picaro.
Lo stesso giorno, dalle ore 17:30 alle 22:00, la classica apertura con “In viaggio per Betlemme” il percorso emozionale e visivo che confluisce nella grotta per la nascita di Gesù. Al taglio del nastro saranno presenti il sindaco Giampiero Barulli e don Graziano Marangi, parroco della chiesa di San Pietro Apostolo di Mottola.
Secondo atto sabato 5 gennaio 2019 dalle ore 18:00 alle 22:00 e la tradizionale calata dei Magi che, a cavallo, porteranno oro, incenso e mirra al Bambinello. A seguire, l’editto di Erode: una voce narrante racconterà la “strage degli innocenti”, riproposta nel tempio allestito per l’occasione. 
 
I COMMENTI. I dettagli del presepe 2018 sono stati illustrati nella conferenza stampa a Palazzo della Provincia di Taranto. Il direttore artistico Piero Palagiano: “Dopo quasi vent’anni di storia, in ogni edizione rinasce l’emozione per allestire questa grande rappresentazione. Il riscontro del pubblico e il prestigio della manifestazione oltre regione sono per noi grande stimolo”. Il sindaco di Mottola Giampiero Barulli: “Questa è una iniziativa di enormi dimensioni ed è entrata ufficialmente tra gli eventi più attesi del territorio. Occasione importante per divulgare le nostre bellezze e la nostra cultura”. Il dirigente scolastico Nicola Latorrata: “I più piccoli sono il futuro della nostra comunità e partecipano con grande entusiasmo”.
 
Per informazioni: www.motllafnodd.it 
 
 

Questo articolo è stato commentato 0 volte

Vuoi aggiungere un commento? Clicca qui
Leuca Web - È vietata la riproduzione dei contenuti di questo sito - Cookies Policy