Passione GialloRossa - Un pareggio utile a metà

Home » Passione GialloRossa »

Passione GialloRossa - Un pareggio utile a metà

a cura di Eugenio Losavio

18/03/19
Passione GialloRossa  - Un pareggio utile a metà
Passione GialloRossa
Un pareggio utile a metà
 
a cura di Eugenio Losavio 
 
Per la decima giornata del girone di ritorno del Campionato di Serie B, il Lecce è impegnato in trasferta allo Stadio Ezio Scida contro il Crotone. Arbitra l’incontro Piccinini di Forlì, coadiuvato dagli assistenti Imperiale e Soricaro. Il Quarto Uomo è Vigile di Cosenza.
Le formazioni  Stroppa schiera il 3-5-2: Cordaz tra i pali, Curado, Spolli e Golemic in difesa; Firenze, Rohden, Barberis, Benali e Tripaldelli a centrocampo; Simy e Machac nel reparto avanzato.
Liverani conferma il 4-3-1-2 con Vigorito tra i pali, Venuti, Lucioni, Meccariello e Calderoni in difesa; Petriccione, Tachtsidis e Tabanelli in mediana; capitan Mancosu alle spalle di Falco e La Mantia.
Primo tempo  Al 5°, i padroni di casa passano in vantaggio con il colpo di testa di Simy. Al 9°, gli ospiti pareggiano con il colpo di testa di Tabanelli sul cross di Tachtsidis. Al 17°, il tentativo di Falco termina alto di poco sulla traversa. Al 20°, Machac conclude centralmente. Un minuto dopo, l’attaccante ci riprova e Vigorito si rifugia in angolo. Al 25°, il Lecce completa la rimonta con il colpo di testa di Mancosu su corner di Petriccione. Al 34°, i giallorossi trovano la terza rete con Meccariello: la gioia del difensore dura poco poiché la sua marcatura viene annullata per fuorigioco. Dopo 1’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.
Secondo tempo  Al 53°, La Mantia prova la conclusione a giro che viene deviata in angolo da Cordaz. Al 56°, Falco ci prova dalla distanza senza inquadrare lo specchio. Al 63°, mister Liverani opera il primo cambio inserendo Marino al posto di Petriccione. Al 79°, il Crotone raggiunge il pareggio con Benali che, di piatto sul secondo palo, deposita in rete. Nella circostanza, Vigorito si infortuna. All’85°, grande anticipo di Marino su Kargbo (subentrato al 51° a Machac). Due minuti dopo, l’allenatore giallorosso opera la seconda sostituzione: Bleve rileva il numero 22. Al 94°, il colpo di testa di La Mantia non crea problemi all’estremo difensore calabrese. Dopo 6’ di recupero, Piccinini dichiara la fine delle ostilità.
Conclusioni  Dopo i primi minuti di studio, la gara si è accesa ed a passare in vantaggio è stato il Crotone con il colpo di testa di Simy. La reazione del Lecce non si è fatta attendere: ci ha pensato Tabanelli (4^ realizzazione stagionale). Galvanizzata dall’aver messo subito in piedi l’incontro, i salentini hanno cominciato a giocare con scioltezza e, meritatamente, hanno completato la rimonta con capitan Mancosu. Nella seconda frazione, gli ospiti hanno continuato ad attaccare, ma alla fine i padroni di casa hanno agguantato il pareggio. Il risultato non scontenta nessuna delle due squadre. Per i calabresi è una boccata d’ossigeno per continuare a sperare nella salvezza; per i lupi giallorossi, invece, è da considerare “quasi” buono: resta il rimpianto di non aver portato a casa i tre punti, anche se non è da buttare poiché conquistato su un campo difficile. Ora bisogna sfruttare al massimo il fattore Via del Mare. In classifica, il Crotone sale a 27 punti insieme al Foggia: il Lecce raggiunge quota 45 insieme al Pescara. Il Campionato si ferma per la Nazionale, ma i giallorossi torneranno in campo sabato 23 marzo alle 18 per il  recupero della gara contro l’Ascoli (interrotta dopo 3 secondi per l’infortunio di Manuel Scavone). Dopo la sosta, i calabresi affronteranno in trasferta il Carpi sabato 30 marzo alle 15.
 
E. Losavio
 

Questo articolo è stato commentato 0 volte

Vuoi aggiungere un commento? Clicca qui
Leuca Web - È vietata la riproduzione dei contenuti di questo sito - Cookies Policy