Passione GialloRossa - Lecce, primo tentativo fallito

Home » Passione GialloRossa »

Passione GialloRossa - Lecce, primo tentativo fallito

a cura di Eugenio Losavio

02/05/19
Passione GialloRossa - Lecce, primo tentativo fallito
Passione GialloRossa
Lecce, primo tentativo fallito
 
 
a cura di Eugenio Losavio 
 
Per la diciassettesima giornata del girone di ritorno del Campionato di Serie B, il Lecce è impegnato in trasferta allo Stadio Euganeo contro il Padova. Arbitra l’incontro Illuzzi di Molfetta, coadiuvato dagli assistenti Dei Giudici e Sechi. Il Quarto Uomo è Giua di Olbia.
Le formazioni  L’ex Centurioni schiera il classico 4-4-2: Mineli tra i pali, Cappelletti, Andelkovic, Cherubini e Longhi in difesa; Pulzetti, Serena, Mazzocco e Lollo a centrocampo; Baraye e Bonazzoli nel reparto avanzato.
Liverani oppone il consolidato 4-3-1-2 con Vigorito tra i pali, Meccariello, Lucioni, Marino e Venuti in difesa; Majer, Petriccione e Tabanelli in mediana; capitan Mancosu alle spalle di Falco e La Mantia. 
Primo tempo  Al 3° minuto i padroni di casa sbloccano il risultato con Baraye che, saltato Venuti, sorprende Vigorito con una conclusione ravvicinata sul secondo palo. Al 13°, ci prova Pulzetti ma il suo tentativo è centrale. Due minuti dopo, Petriccione non inquadra lo specchio. Al 20°, la conclusione di Tabanelli non sortisce gli effetti sperati. Al 37°, Longhi ci prova al volo e l’estremo difensore giallorosso blocca senza problemi. Dopo 1’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi.
Secondo tempo  Al 46°, mister Liverani opera una doppia sostituzione inserendo Bovo e Palombi ai posti rispettivamente di marino e Petriccione. Al 55°, il Padova raddoppia con il colpo di testa di Cappelletti su angolo di Serena. Al 67°, Haye subentra a Tabanelli. Al 74°, il Lecce dimezza lo svantaggio con il rigore di Mancosu, concesso per un fallo di Minelli su La Mantia. Gli ospiti vanno vicini al pareggio ancora con il capitano che, di testa, cerca il secondo palo con la sfera che termina a lato. All’83°, i veneti flirtano con la terza rete: Baraye, lanciato a rete, cerca di aggirare Vigorito ma il numero ventidue giallorosso con la mano riesce a sventare il pericolo. Dopo 7’ di recupero, Illuzzi dichiara la fine delle ostilità.
Conclusioni  Il Lecce ha sbagliato l’approccio alla gara. Consapevole del risultato favorevole del Palermo (alle 12 : 30 ha pareggiato con lo Spezia), è sceso in campo senza la giusta tensione e la giusta motivazione. Al contrario, il Padova che doveva vincere per sperare ancora nella salvezza, sin dai primi minuti ha messo in difficoltà gli avversari soprattutto grazie a Baraye, una spina nel fianco della difesa per tutti i 90 minuti. A nulla sono serviti i cambi operati da mister Liverani nell’intervallo. La sua squadra non è riuscita ad impensierire la difesa di casa e l’unico sussulto è stato il rigore di Mancosu che ha reso meno amara la sconfitta. Nonostante ciò, non bisogna demoralizzarsi. L’obbiettivo è ancora a portata di mano. Si deve ripartire dalla vittoria contro i lombardi poiché ci sono tutte le premesse per fare bene. Al contrario, il Brescia ha sfruttato in pieno l’occasione favorevole ed ha conquistato la promozione con due turni di anticipo. In classifica, i bianco scudati salgono a 29 punti ed agganciano il Carpi; i salentini rimangono a 63. Nel prossimo turno, gli uomini di Centurioni affronteranno in trasferta il Benevento; i giallorossi riposeranno. Alla ripresa, ospiteranno allo Stadio Via del Mare lo Spezia nell’ultima giornata di Campionato.
 
E. Losavio 
 

Questo articolo è stato commentato 0 volte

Vuoi aggiungere un commento? Clicca qui
Leuca Web - È vietata la riproduzione dei contenuti di questo sito - Cookies Policy